Muovi-menti : come l'integrazione tra i vecchi e nuovi media risulta necessaria per il pieno sviluppo dell'uomo

Studente: Federica Maffezzoni
Titolo tesiMuovi-menti : come l'integrazione tra i vecchi e nuovi media risulta necessaria per il pieno sviluppo dell'uomo
Docente relatore: Prof. Matteo Adamoli
Docente controrelatore: Prof.ssa Arianna Novaga
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Emilia Brovero
Data discussione tesi: 18 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Il tema fondante della ricerca si basa sulla dimostrazione che molti problemi di attenzione, comportamento e apprendimento riscontrati oggi nei bambini possono essere affrontati e risolti attraverso attività formative che integrino vecchi e nuovi media. Ciò risulta di fondamentale importanza perché le conseguenze date dall’esposizione prolungata e dall’uso frequente dei new media tendono spesso ad essere ignorate e minimizzate dalla maggior parte delle persone. Ad esempio, il poter lasciare i bambini tranquilli davanti alla televisione, al computer o a un videogioco permette agli adulti di svolgere le proprie mansioni. Basta fare un giro nei parchi per notare che i bambini che giocano all’aria aperta sono in evidente diminuzione. Con maggior frequenza capita invece di incontrarli alle prese con un tablet o un cellulare in un carrello di un supermercato mentre gli adulti fanno la spesa. Supporre una correlazione tra l’aumento di queste problematiche e le nuove abitudini digitali risulta spontaneo. Se la situazione sta cambiando in negativo portando modifiche comportamentali più o meno gravi ai bambini sani, è importante prendere in analisi anche quelli che nascono con patologie o fragilità. I new media hanno reso il mondo e la vita quotidiana più semplici e confortevoli, ma l’uomo ha ancora bisogno di attività tradizionali e naturali per potersi formare completamente. Trovare un equilibrio e un’unione quindi risulta oggi di primaria importanza, evitando che i danni diventino troppo gravi.

The basic theme of the research is built on the evidence that lots of attention, behavior and learning issues encountered in today’s children can be addressed and solved through training activities integrating old and new media. This is essential because the effects of prolonged exposure and frequent use of new media often tend to be ignored and minimized by most people. Adults leave children alone in front of a television, a computer or a video game allows adults to carry out their tasks. It only takes a walk in a park to realize that the number of children playing outdoors is on the clear decrease. Besides, it is more common to meet the latter with a tablet or a mobile phone in a supermarket their parents are doing the shopping. Supposing a correlation between the increase of these issues and the new digital habits is spontaneous. If the situation changing negatively influencing more or less serious the behavior of healthy children, it will be important to take into larger consideration children with pathologies or fragilities. The new media have made the world and everyday life simpler and easer but man still needs traditional and natural activities to be able to grow up completely. Today the matter of primary importance therefore is to find a balance between the use of new media and other activities in order to avoid too serious damages.