images/grafica/TESTATE/MSTC/TESI_DI_LAUREA/LE-NOSTRE-ECCELLENZE.png

Eccovi gli studenti che si sono laureati nella nostra università con il massimo dei voti nel Corso di laurea di Licenza/Laurea Magistrale in Web marketing & digital communication - Creatività e design della comunicazione - Comunicazione integrata e Design.

Content Marketing per la strategia di comunicazione B2B. Il caso Th.Kohl

Studente: Sara Bottacini
Titolo tesi: Content Marketing per la strategia di comunicazione B2B. Il caso Th.Kohl
Docente relatore: Prof.ssa Anna Zuccaro
Docente controrelatore: Prof. Walter Macorig
Presidente commissione di tesi: Prof. Cappelletti Nicolò
Data discussione tesi: 27 ottobre 2017
Laurea Magistrale Internazionale inWeb marketing & digital communication

“I mercati sono conversazioni” afferma la prima delle 95 tesi del Cluetrain Manifesto e ogni azienda, se vuole rimanere sul mercato, deve riuscire a trovare il modo giusto per far sentire la propria voce. E il Content Marketing è la tecnica adatta a tale scopo: tutte le aziende infatti, indipendentemente dal settore di appartenenza, hanno la possibilità di accrescere il proprio business grazie a un’efficace condivisione delle proprie conoscenze. Tuttavia, per diffondere una buona cultura di Content Marketing, bisogna da una parte sconfiggere il relativo scetticismo diffuso specialmente tra i manager di aziende operanti nel B2B, dall’altra abbattere l’idea che tale strumento sia di facile applicazione e sempre performante. Si punterà quindi a fornire una guida pratica per le aziende interessate a implementare un’efficace strategia di Content Marketing, capace cioè non solo di attirare l’attenzione dell’utente ma anche di supportare l’azienda nel perseguimento dei propri obiettivi. L’applicazione di tale guida verrà svolta presso il Gruppo Th.Kohl presso il quale l’autrice della tesi ha svolto il tirocinio accademico.

"Markets are conversations," says the first of the 95 theses of the Cluetrain Manifesto, and every company, if it wants to remain on the market, must be able to find the right way to make its voice heard. And Content Marketing is the right technique for this purpose: all companies, regardless of their field of affiliation, have the opportunity to increase their business through an effective sharing of their knowledge. However, to spread a good Content Marketing culture, it’s necessary both to overcome the scepticism related to its effectiveness, popular especially among B2B business managers, and to defeat the idea that it is easy to use this tool and that it's always successful. Then, it will be provided a practical guide for companies interested in implementing an effective Content Marketing strategy, capable not only to attract the attention of the user but also to support the company in pursuit its goals. The application of this guide will be developed at the Th.Kohl Group, where the author of this thesis has held her academic internship.

 

Libri aumentati: l’Augmented Reality nell’editoria scolastica per ragazzi

Studente: Benedetta Mardegan
Titolo tesi: Libri aumentati: l’Augmented Reality nell’editoria scolastica per ragazzi
Docente relatore: Prof. Giovanni Vannini
Docente controrelatore: Prof. Alberto Mason
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 18 ottobre 2017
Laurea Magistrale Internazionale inWeb marketing & digital communication

Questa tesi vuole presentare le nuove tecnologie, in particolare la Realtà Aumentata, come un valido strumento per una didattica che si trova ancora in un passaggio intermedio tra i libri scolastici cartacei e le loro versioni digitali arricchite da contenuti extra come modelli 3D, audio, video e schede integrative.
Sono stati consultati per la sua stesura alcuni dei più importanti testi di marketing consigliati dai professori durante le lezioni e alcuni meno importanti ma più aggiornati sugli argomenti trattati, oltre che alcuni volumi inerenti la storia del libro e i Nativi Digitali nel loro contesto scolastico.
La maggior parte delle immagini presenti in questa tesi rivela la sua doppia natura quando è inquadrata da un device con attivata l’App Aurasma. Questo perché si è creduto fosse il metodo più esplicativo per presentare le potenzialità dello strumento. 

This thesis aims to present new technologies, in particular Augmented Reality, as a valuable tool for teaching, which stays in the middle between traditional paper-books and their new digital version enriched with extra contents such as 3D images, video, audio files and supplementary information.
To write this thesis some of the most important marketing texts reccomended by professors during their lessons, and some less important but more updated on the topic ones, have been consulted. Most of the images in this thesis reveal their dual nature when framed by a device with the Aurasma App Activated. This is because it was believed to be the most explanatory method to present the potential of the Augmented Reality instrument

Diventare imprenditori di sé stessi: il personal branding e il blogging per la definizione del modello social star

Studente: Veronica Franceschin
Titolo tesi: Diventare imprenditori di sé stessi: il personal branding e il blogging per la definizione del modello social star.
Docente relatore: Prof. Giovanni Vannini
Docente controrelatore: Prof.ssa Lisa Pillon
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 18 ottobre 2017
Laurea Magistrale Internazionale inWeb marketing & digital communication

La comunicazione virtuale attraverso i social network svolge oggi un ruolo fondamentale per il successo personale e professionale degli individui. La nostra epoca è caratterizzata dalla comunicazione continua con gli altri, le relazioni sono legate alle connessioni online.

La diffusione del web e dei social media ha determinato la nascita di nuove competenze e abilità comunicative per poter comunicare efficacemente. Uno degli elementi alla base del successo personale risiede nella capacità di presentarsi in maniera ottimale agli altri, sapere comunicare e dialogare mostrando le proprie qualità. La strategia di personal branding si concentra sulla definizione dei punti di forza di un individuo e sulla sua capacità di trasformare le sue peculiarità in elementi distintivi, che lo differenzino rispetto agli altri individui. Oggi l’uso del web e in particolare dei social media per lo sviluppo e la diffusione del proprio personal brand non rappresenta solo una possibilità ma una necessità. Quali strumenti e canali si possono utilizzare per la creazione di un personal brand? Ragionando su questo quesito, ho analizzato il fenomeno del blogging e le sue potenzialità per lo sviluppo di un brand personale, analizzando casi reali di blogger di successo per evidenziare e comprendere quanto questo canale sia importante. Dallo studio di alcuni blogger italiani, ho evidenziato gli elementi che permettono di determinare la figura di blogger come imprenditore al fine di elaborare un modello di social star che ha utilizzato la forza del blog e dei social media per costruire la propria immagine e impresa.

 

Today digital communication through social networks plays a key role for the personal success and the professional careers of people. These days are characterized by integrated communication with the others, relationships are linked to online connections. The diffusion of social media in every day’s life has created new skills and communicative abilities to communicate effectively. One of the basic elements of personal success lies in the ability to present yourself optimally to others, in order to communicate and dialogue by showing your qualities. The personal branding strategy focuses on defining the strengths of an individual and his ability to transform his peculiarities into distinctive elements that differentiate him from other individuals. Today, the use of the web and in particular social media for the development and dissemination of a personal brand is not just a possibility but a necessity.

What tools and channels can you use to create a personal brand? Relying on this question, I analysed the phenomenon of blogging and its potential for the development of a personal brand with real cases of successful bloggers to highlight and understand how important this channel is. From the study of some Italian bloggers, I highlighted the elements that make it possible to determine the figure of blogger as an entrepreneur in order to develop a social star’s model that has used the power of blog and social media to build his own image and enterprise.

Youtube Brands: il personal branding applicato all'azienda

Studente: Laura Barison
Titolo tesi: Youtube Brands: il personal branding applicato all'azienda
Docente relatore: Prof. Francesco Sordi
Docente controrelatore: Prof.ssa Mariagrazia Villa
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 17 luglio 2017
Laurea Magistrale Internazionale inWeb marketing & digital communication

YouTube è una piattaforma di video sharing che assume importanza sempre maggiore all’interno del panorama dei social media. Ad utilizzarla è principalmente un target piuttosto giovane, quello tra i 18 e 35 anni che sempre meno si rivolge ai media tradizionali per l’intrattenimento o la ricerca di informazioni.
L’obiettivo di questa ricerca è comprendere come le aziende possano sfruttare questa piattaforma per raggiungere il proprio pubblico, in modo da poterla integrare nella loro strategia di comunicazione.
Per raggiungere questo risultato, la ricerca studia la situazione delle aziende nella piattaforma, dei casi positivi di utilizzo di YouTube da parte di alcuni brand ed infine, il modo in cui quattro famosi youtuber agiscono all’interno del social di video sharing, analizzandone la carriera e i format usati.
Alla luce di queste analisi verrà creato un modello composto da sei punti principali che ogni azienda può seguire per poter creare il proprio canale di brand, per avere un ruolo di protagonista nella strategia di comunicazione ideata per YouTube. 

YouTube is a video sharing platform increasingly important in the social media landscape. People who use it belong to a fairly young target: the one between 18 and 35 years old. The same one that seek entertainment and information less and less on the traditional media.
The main objective of this research is trying to understand how companies can take advantage of this platform to reach their audience, so that they can integrate this new social media in their communication strategy.
To achieve this solution, the research studies the companies’ situation on the platform, some positive examples on the integration of YouTube in two different brand communication strategies and finally, the ways four famous youtubers act on the platform, analysing their career and the types of video hey create.
Considering all of these informations, it will be created a model which consist of six different characteristics that every company can follow to create a brand channel on YouTube. Thanks to this model, brands would have a primary role in their communication strategy that involves the YouTube platform.

 

Open Innovation: modelli e nuovi attori per lo sviluppo economico, dal mondo startup alle grandi aziende

Studente: Marco Petrazzi 
Titolo tesiOpen Innovation: modelli e nuovi attori per lo sviluppo economico, dal mondo startup alle grandi aziende
Docente relatoreProf. Giovanni Vannini
Docente controrelatoreProf.ssa Lisa Pillon
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 22 marzo 2017
Laurea Magistrale Internazionale in: Web marketing & digital communication

In un mondo in costante cambiamento e sempre più rivolto al digitale, le imprese si trovano a dover ricercare costantemente nuove strade percorribili per innovare e definire dei valori distintivi e sostenibili per raggiungere un vantaggio competitivo. In Italia la digitalizzazione delle imprese procede lentamente, ma in costante crescita. Dal 2012 inoltre si è andato a definire un nuovo ecosistema, quello delle startup innovative, che sta favorendo l’avvicinamento al digitale e sta portando grande innovazione a molte imprese italiane. In questo contesto si è cominciato a discutere delle opportunità che offre l’open innovation, un paradigma che pone le basi alla futura collaborazione tra le imprese consolidate e le startup, definendo inoltre una serie di modelli e strumenti utili al perseguimento di queste strategie innovative. In questo elaborato si andranno a riassumere le principali teorie dell’open innovation, sintetizzandole in un iter progettuale che permetta alle imprese consolidate e alle startup si seguire con ordine e metodo l’attivazione di questo paradigma.

In an ever-changing and always more digital world, companies have to search new ways to innovate and define the distinctive and sustainable values to achieve a competitive advantage. In Italy the companies’s digitalization is slowly, but constantly growing. Also since 2012 a new ecosystem of innovative startup is being defined, and this is helping the the digitalization and is bringing innovation to a lot of Italian companies. In this context began to grow discussions about the opportunities offer from the open innovation, a concept that allow the collaboration between startup and strengthened companies, defining also models and tools useful to pursue the innovative strategies. This thesis will sum up the principal theories of the open innovation, summarizing them in an iter that allows strengthened companies and startup to follow the launch of this concept.

L’immagine del gusto: valorizzazione del food design all’interno di un modello digital per le attività ristorative

Studente: Stefano Lo Chiatto
Titolo tesiL’immagine del gusto: valorizzazione del food design all’interno di un modello digital per le attività ristorative
Docente relatoreProf. Giovanni Vannini
Docente controrelatoreProf.ssa Lisa Pillon
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 22 marzo 2017
Laurea Magistrale Internazionale in: Web marketing & digital communication

Il mondo del food è da sempre un universo carico di sfumature che colpiscono i sensi: gusto, olfatto e vista sono tradizionalmente i principali vettori in grado di orientare le scelte di consumo in questo campo, nonché parametri primari nell’attribuire valore all’esperienza vissuta. Il ruolo centrale assunto dalla comunicazione digitale ha, però, privilegiato uno di questi aspetti, conferendogli nuove forme espressive e aumentandone la risonanza; il potere dell’immagine in ambito food accresce ad ogni click, pubblicazione e condivisione sui social media, evidenziando la necessità di capire come gestirlo al meglio, al fine di assicurarsene tutti i vantaggi. Dopo aver fornito gli elementi di marketing utili alla comprensione del mercato ristorativo e aver analizzato il significato di progettazione alimentare, si forniranno le linee guida utili alla definizione di una strategia digital nel panorama di riferimento; una strategia fortemente orientata alla valorizzazione dell’immagine, con l’obiettivo di arrivare al cuore dei consumatori prima che si siedano a tavola. 

Food has always been a world where the senses are involved: in this field taste, smell and sight are traditionally the key means to guide consumption choices, as well as main criteria to review the related experience. Nowadays, the central role played by digital communication has favoured one of these aspects over the others, by giving new forms of expression and resonance to it; the power of images in food increases with every click, post or share on social media, pointing out the need to understand how to better manage it, in order to ensure all its benefits. To understand the catering industry, the useful marketing theories will be examined, besides the meaning and importance of food design; then, some guide-lines to implement an efficient digital strategy in this field will be defined. The desired outcome is a strategy strongly focused on enhancing images, with the aim of touching the hearts of consumers before they sit down at the table.

Dal contenuto liquido al gaming in Virtual e Augmented Reality: modelli progettuali per la nascente industria dei contenuti educativi immersivi

Studente: Pierfilippo Ariano
Titolo tesiDal contenuto liquido al gaming in Virtual e Augmented Reality: modelli progettuali per la nascente industria dei contenuti educativi immersivi
Docente relatoreProf. Giovanni Vannini
Docente controrelatoreProf. Umberto Rosin
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 22 marzo 2017
Laurea Magistrale Internazionale in: Web marketing & digital communication

Da una profonda ricerca, svolta in collaborazione con docenti e istituti, volta a conoscere lo stato attuale dei sistemi formativi, si è tentato di identificare nuove pratiche operative – didattiche, in grado di fornire una visione più ampia dei metodi educativi, passando da una scuola di contenuti e processi tradizionali, nati nel diciannovesimo secolo, a una di contenuti e processi più adeguati alla realtà del secolo appena iniziato. Le scuole oggi dovrebbero basarsi più sulle nuove tecnologie e sugli ambienti comunicativi, che agiscono come traduttori di esperienza, così com’è stato per l’esposizione orale e i libri in passato. I nuovi strumenti digitali di cui disponiamo, in particolar modo social media e ambienti virtuali, non solo stanno ridefinendo le relazioni sociali e le modalità di trasmissione delle conoscenze, ma diventano mezzi abilitanti capaci di creare nuove sfide all’interno dei sistemi didattici. L’ampia diffusione delle nuove tecnologie ha inoltre contribuito alla riconfigurazione dei modelli pedagogici, in un panorama tecnologico e culturale profondamente modificato, all’interno del quale viviamo, comunichiamo e impariamo.

After a deep research, carried out in collaboration with professors and institutes, with the aim of learning the current status of teaching systems, an attempt was made to identify new operational-learning practices, which can provide a wider vision of educational methods, shifting from a school made of traditional contents and processes, born in the nineteenth century, to one that is constituted by adequate contents and processes to the new century. Schools today should be based more on new technologies and communication environments, which act as translators of experiences, as it was for word of mouth (oppure “oral storytelling”) and books in the past. The new digital tools at our disposal, especially social media and virtual environment, are not only redefining social relationships and the mode of knowledge transmission, but they are becoming enablers to create new challenges within the educational system. The wide diffusion of new technologies has also contributed to the reconfiguration of pedagogical models, in a profoundly changed technological and cultural landscape, within which we live, communicate and learn.

App e Mobile Marketing. Un nuovo modello di promozione attraverso la community: il caso Friendz.

StudenteAdriana Sammartino
Titolo tesiApp e Mobile Marketing. Un nuovo modello di promozione attraverso la community: il caso Friendz.
Docente relatoreProf. Giovanni Vannini
Docente controrelatoreProf.ssa Lisa Pillon
Presidente commissione di tesiProf.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 22 marzo 2017
Laurea Magistrale Internazionale in: Web marketing & digital communication

La rapida evoluzione del mondo digitale ha portato alla definizione di una nuova dimensione del Marketing: quella Mobile. Cambia il concetto di valore – da economico a esperienziale – il customer journey viene frammentato in micromomenti e il consumatore è sempre più consapevole del suo potere d’influenza, soprattutto attraverso i contenuti che condivide. Di conseguenza le aziende hanno la necessità di trovare nuovi touchpoint per entrare in relazione con i consumatori. Ed è qui che entrano in gioco le Digital startup che con una logica disruptive si propongono di rivoluzionare interi settori, cogliendo le opportunità che fornisce il nuovo contesto. Nel panorama del digital marketing emerge Friendz che ha creato un’applicazione in grado di promuovere i brand sui social attraverso la condivisione dei contenuti della community. L’obiettivo di questo elaborato è, prima di tutto, descrivere il contesto sottolineando il rapporto tra Mobile, customer journey e consumatore. Per poi, successivamente, verificare in che modo il servizio proposto da Friendz rappresenti una risposta di valore, rispetto al contesto descritto, e comprendere in che modo possa continuare a essere competitivo nel tempo. Nelle conclusioni verranno esposti i punti di forza della digital startup Friendz che si dimostra essere una soluzione win-win per brand e utenti. Le considerazioni gravitano attorno al fatto che si inserisce nel micromomento “Voglio essere intrattenuto” attraverso contenuti che seguono le logiche tipiche del Native Advertising. Per poter rimanere competitiva dovrà continuare ad adattarsi ai nuovi trend e bisogni e, probabilmente, questo richiederà lo sviluppo di nuove funzionalità, come ad esempio i video in real time."

The rapid evolution of the digital world has led to the definition of a new Marketing dimension: the Mobile. The concept of value changed – from inexpensive to experiential – and the customer journey is fragmented into micromoments with the consumer increasingly aware of their power to influence, especially through content sharing. As a result, companies have the need to find new touchpoints in order to enter into relationships with consumers. And it is here that Digital Startups with disruptive logic come into play with the aim to revolutionize entire industries, ta-king advantage of opportunity that new context provides. Within the digital mar-keting landscape Friendz has emerged, creating an application that can promote brands through social sharing community content. The aim of this paper is, first of all, to describe the context emphasizing the relationship between Mobile, customer journey and consumer. And then, later, to see how the service proposed by Friendz represents a valuable response compared to the above context and to understand how it can continue to be competitive over time. In its conclusions, the strengths of digital startup Friends are revealed proving it to be a win-win solution for both brands and users. The considerations revolve around the fact that Friendz is part of the “I want to be entertained” micro moment by following contents typical of Native Advertising logic. In order to stay competitive it will continue to adapt to new trends and needs, and, probably, this will require new features development, such as live videos.

I micro-momenti e il nuovo processo decisionale d’acquisto: applicazione ai video ‘how-to’ di De’Longhi

Studente: Alice Dal Zilio
Titolo tesiI micro-momenti e il nuovo processo decisionale d’acquisto: applicazione ai video ‘how-to’ di De’Longhi
Docente relatoreProf. Vittorio Montieri
Docente controrelatoreProf.ssa Lisa Pillon
Presidente commissione di tesiProf. Cosimo Marco Scarcelli
Data discussione tesi: 21 marzo 2017
Laurea Magistrale Internazionale in: Web marketing & digital communication

In un mondo sempre più connesso e sempre più digitale il ruolo del consumatore subisce diversi e profondi cambiamenti: da target a cui puntare diventa attore attivo nel processo di creazione di valore dell’azienda. Studiarne quindi i modi con cui si approccia alle nuove tecnologie e prende decisioni d’acquisto è fondamentale per l’azienda che voglia creare empatia verso il consumatore stesso, mettendolo al centro del suo operato. La teoria dei micro-momenti si pone come nuova cornice interpretativa del processo decisionale d’acquisto e obiettivo della trattazione è delineare quale reale portato di novità caratterizzi questa teoria. Nonostante il processo decisionale d’acquisto sia sempre stato rappresentato da una serie di fasi consequenziali, la teoria dei micro-momenti lo frammenta in centinaia di momenti diversi e mobile: tutti possibili touchpoints attraverso i quali l’azienda può entrare in contatto con i consumatori. L’analisi dello specifico micro-momento I-Want-to-Do ha permesso ad esempio all’azienda De’Longhi di creare un touchpoint attraverso i video “how-to” proposti nel suo canale, video che rispondono ad una precisa esigenza del consumatore nella fase di post-acquisto.

In an increasingly connected and digital world the role of the consumer undergoes various, profound changes: from being a target to becoming an active player in the company's value creation process. Studying the way consumers approach new technology and make purchase decisions is critical for a company that wants to be empathetic, focusing on the consumer needs first. The micro-moments theory arises as a new interpretive framework of the purchase-decision process. The purpose of the paper is to find out if the micro-moments theory delivers real innovation in the study of this process. Although the purchase-decision process has always been represented by a series of consequential steps, the micro-moments theory is fragmented into hundreds of different and mobile moments: they are all possible touchpoints through which the company can connect with consumers. For example, the analysis of the specific I-Want-to-Do micro-moment allowed the De'Longhi company to create a specific touchpoint for its consumers. The new touchpoints created by De’Longhi are the ‘how-to’ videos, through which the company responds to the specific needs of the consumer post-purchase.