images/grafica/TESTATE/STC/TESI_DI_LAUREA/LE-NOSTRE-ECCELLENZE.png

Eccovi gli studenti che si sono laureati nella nostra università con il massimo dei voti nel corso di Baccalaureato/Laurea Triennale in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale.

Il ruolo delle parole nella civiltà dell’immagine: creare un immaginario comune attraverso la narrazione

Studente: Isabelle Moro
Titolo tesiIl ruolo delle parole nella civiltà dell’immagine: creare un immaginario comune attraverso la narrazione
Docente relatore: Prof.ssa Federica Negri
Docente controrelatore: Prof. Michele Marchetto
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 11 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

All’interno di questo elaborato verrà analizzata la possibilità di creare un linguaggio universale tramite l’uso delle parole. Una ricerca che offrirà un nuovo ruolo per questo medium all’interno della comunicazione grafica, che sempre più predilige l’utilizzo delle immagini per comunicare un messaggio univoco al destinatario. In una prima fase l’approccio sarà di tipo analitico, basandosi sulle argomentazioni di Ludwig Wittgenstein e sulle teorie affrontate durante i corsi frequentati. Il progetto, invece, sarà ispirato all’arte di Banksy e alle poesie italiane di autori contemporanei, accomunati dalle tematiche affrontate nelle loro opere. I riferimenti presi in considerazione serviranno a sostenere la tesi per cui immagini e parole debbano coesistere per evitare fraintendimenti nel campo della comunicazione, dove ciò che viene prodotto ha effetti sulla nostra percezione della realtà. Un elaborato che ha, dunque, il fine implicito di sottolineare l’importante responsabilità sociale e comunicativa di un graphic designer.

The report analyses the possibility of creating a universal language with the incredible use of words. A research that offers a new role to this type of medium inside the graphic communication, which prefers the employment of images in order to transmit a single and univocal message to the receiver. In the first phase the approach is analytic. It is indeed based on the thesis of Ludwig Wittgenstein and on the theories studied during the courses. However, the project draws inspiration from the art of Banksy and Italian contemporary poems, where the works share the same themes.

Thanks to the references developed in this script, we can support and affirm the argument according to which images and words should coexist to avoid misunderstandings inside the communication. A huge tool, where everything that we produce directly affects our perception of reality. In the end, the report has the implicit purpose of underlining the social and communicative relevance of the graphic designer. 

 

 

Dallo star system hollywoodiano all’influencer del mondo social

Studente: Rachele Nicolis
Titolo tesiDallo star system hollywoodiano all’influencer del mondo social
Docente relatore: Prof. Mariano Diotto
Docente controrelatore: Prof. Francesco Pira
Presidente commissione di tesi: Prof. Nicolò Cappelletti
Data discussione tesi: 11 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Lo sviluppo dei nuovi media ha trasformato molte dinamiche del mondo dello spettacolo, in particolare il rapporto tra star, o persona nota, e il pubblico. La tesi compie un excursus dalla figura della star hollywoodiana all’influencer e come quest’ultimo si colloca nel mondo della televisione italiana e dei nuovi media. Si analizzano i diversi settori, la rilevanza dei cambiamenti e la discontinuità di queste figure. Possiamo osservare come la nuova figura dell’influencer sia rilevante nella comunicazione, creando cambiamenti all’interno della società, influenzando l’orientamento degli utenti e dei brand. Oggi si tende a privilegiare un rapporto virtualmente più vicino alle persone che permette un’interazione maggiore e un senso d’amicizia virtuale nel quale, apparentemente, si viene a conoscenza di informazioni personali dell’influencer. Uno scenario che rende la persona un mezzo d’espressione anche per i programmi televisivi e per i brand che sfruttano i personaggi, come influencers e youtubers, per accrescere lo share o per creare campagne ad hoc per raggiungere target specifici. Altri aspetti indagati sono i meccanismi sottesi a questi settori, come le agenzie di produzione e le agenzie di talenti, sostenuti dai nuovi media che sviluppano dinamiche economiche e relazionali diverse rispetto alla comunicazione tradizionale.


The development of new media has transformed many trends of the entertainment industry, in particular the relationship between star, or famous people, and the public.The thesis makes an excursus from the Hollywood star to the influencer and how him ranks in the world of the Italian television and the new media. Moreover, this dissertation analyze the different sectors, the relevance of changes as well as their discontinuity. The new figure of influencer appears to have become relevant in communication, bringing new changes to society and influencing the decision-making process of customers, users and brands. Today people generally privilege a virtually closer relationship with others, which allows for higher interaction and a sense of virtual friendship in which, apparently, the user gets the influencer’s personal information. This mechanism makes the figure of the influencer appealing as an expressive mean to television programs as well as brands which use known figures, such as Influencers and YouTubers, to increase their program’s shares or to create ad hoc campaigns to reach a specific target. Furthermore, this thesis investigates the mechanisms underlying these sectors, such as production agencies and talent agencies, which are sustained by the economic and relational dynamics resulting from the diffusion of new media, which differ from traditional communication.

Identità reale e identità narrativa: gli attributi personali dell’attore definiscono la forma dell’immaginario

Studente: Reina Tagliapietra
Titolo tesiIdentità reale e identità narrativa: gli attributi personali dell’attore definiscono la forma dell’immaginario
Docente relatore: Prof.ssa Federica Negri
Docente controrelatore: Prof.ssa Cristiana Rossato
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 11 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

La capacità di immaginazione della mente umana predispone inevitabilmente lo spirito a un coinvolgimento empatico nelle vicende presentate dalla trama di un racconto, permettendo così di definire un rapporto connaturato di reciprocità tra la natura umana e l’immaginario astratto proposto dalle storie. L’intensità di tale relazione ha condotto l’uomo a conferire attributi sempre più reali alle performance attoriali teatrali e cinematografiche, all’interno delle quali è possibile assistere a un’alternanza costante tra identità personale dell’attore e identità fittizia del personaggio interpretato. In questa situazione, che comporta la presenza di due identità in un unico corpo fisico, il trasferimento di caratteristiche da un’individualità all’altra è fondamentale e necessario affinché la percezione del pubblico sia totale e riesca a coinvolgere nel profondo l’animo dello spettatore.

The capacity for imagination of the human mind prepares inevitably the spirit for a empathic involvement in the sequence of events presented by the plot of a story: in this way it allows to define a natural and reciprocal connection between the human nature and the detached image offered by the stories. The intensity of this relationship has led men to confer attributes more and more real to the actorial, theatrical and cinematographic performances: it is possible to attend a constant alternation between the actor's personal identity and the artificial identity of the character performed. In this situation, which entails the presence of two identities in just one body, the transfer of characteristics from one individuality to another is essential and necessary, in order to make the audience's perception total and to captivate the spectator's soul in the deep.

L’Exhibition Design per un ambiente sanitario progettato con tecniche di Neuromarketing

Studente: Elena Concato
Titolo tesiL’Exhibition Design per un ambiente sanitario progettato con tecniche di Neuromarketing
Docente relatore: Prof. Mariano Diotto
Docente controrelatore: Prof. Francesco Pira
Presidente commissione di tesi: Prof. Nicolò Cappelletti
Data discussione tesi: 11 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Nel corso degli anni la funzione della sala d’attesa di uno studio dentistico, in relazione al paziente, è radicalmente cambiata. Se in passato essa era concepita esclusivamente come il luogo in cui i pazienti si accomodavano ed attendevano il proprio turno dal dentista, solo a partire dai primi anni del XXI secolo è possibile notare una modifica di tale accezione in funzione di uno studio più accurato della percezione sensoriale, dell’esperienza vissuta e della ricerca. Sulla base della stretta collaborazione tra comunicazione, neuroscienze e neuromarketing, l’obiettivo della presente ricerca è quello di esporre un percorso di exhibition design in grado di condurre il paziente dalla sala d’attesa al riunito odontoiatrico, perno attorno a cui si svolge l’intera attività del dentista.

Over the years the function of the waiting room of a Dental Clinic has been changing radically following the patients expectations. In the past the waiting room was conceived exclusively as the place where patients sat down and waited for their turn for the dentist. For the XXI Century the concept of the waiting room has changed, according with the new sensorial feelings, the everyday life and research. Thanks to the partnership among communication, neuroscience and neuromarketing, the aim of this research is to show an exhibition design path that can lead the patient from the waiting room to the dental unit.

Analisi dell'oralità nel cambiamento dell'aspetto relazionale dell'uomo nell'epoca digitale, attraverso l'esempio di Google Home

Studente: Samuela Martini
Titolo tesiAnalisi dell'oralità nel cambiamento dell'aspetto relazionale dell'uomo nell'epoca digitale, attraverso l'esempio di Google Home
Docente relatore: Prof.ssa Cristiana Rossato
Docente controrelatore: Prof.ssa Federica Negri
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 11 ottobre 019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

L’elaborato vuole presentare l’importanza della voce, nella dimensione umana e relazionale, all’interno del contesto odierno della rivoluzione digitale. In questo modo desidera proporre uno stimolo per una più alta comprensione di sé, del proprio agire e delle relative conseguenze, al fine di migliorare la condizione dell’uomo in un’età sempre più veloce. Dall’analisi dei maggiori mezzi di comunicazione che mettono in risalto l’elemento della voce, emerge come essa sia al centro della dimensione dell’uomo. Si ritiene fondamentale, quindi, che l’oralità sia una significativa componente nella distinzione tra reale e virtuale, ma anche nella capacità relazionale dell’uomo che è stata radicalmente modificata nell’epoca digitale. Infine, si conclude con un’analisi del tempo alienato e accelerato, che ha portato grandi innovazioni, tra le quali sono state prese in considerazione la domotica e Google Home, evidenziando le potenzialità dell’approccio integrato tra la vita online e offline.

The paper aims to present the importance of the voice, in the human and relational dimension, considering the nowadays’ context of the digital revolution. It wants therefore to propose an incentive, so that one can understand himself and his behaviour in a better way, also taking into consideration the consequences that his actions might have. From the analysis of the major means of communication that highlight the element of the voice, it emerge how it is at the center of the human dimension. Orality is considered fundamental to distinguish between the real and the virtual. It is also the basis of the relationships among human beings which have been radically transformed during the digital era. Lastly, the paper describes the alienated and accelerated time which has brought great innovations. Some of them are the domotics and Google Home which highlight the potential of the integration between online and offline life.

Music Branded Content: l’aspetto musicale come elemento di valore nella strategia di contenuto

Studente: Alessia Marzin
Titolo tesiMusic Branded Content: l’aspetto musicale come elemento di valore nella strategia di contenuto
Docente relatore: Prof. Nicolò Cappelletti
Docente controrelatore: Prof. Aurelio Chinellato
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 11 ottobre 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Lo scopo del presente elaborato è quello di sottolineare la capacità del branded content di rispondere all’evoluzione digitale del contesto circostante, per dimostrare in un secondo momento come il contenuto musicale risulti centrale per lo svolgimento efficace di suddetta attività. Si analizzeranno i due soggetti nel dettaglio, facendo emergere le caratteristiche salienti degli stessi e i cambiamenti influenzati dall’ecosistema comunicativo, per arrivare poi alla presentazione di casi studio di branded content musicale i quali avvalorano tale analisi. Infine viene presentata un’ipotetica attività di marketing per Dr. Martens, affinché la messa in pratica di quanto approfondito possa essere sostegno esaustivo alla ricerca.

The purpose of this paper is to emphasize the ability of branded content to respond to the digital evolution of the surrounding context, in the second place it aims to demonstrate how the musical content is central for the aforementioned discipline. The two subjects will be analyzed in detail, bringing out the salient characteristics of the same and the changes influenced by the communicative ecosystem, to then arrive at the presentation of case studies of branded content centered in music activities that confirm this analysis. Finally, a hypothetical marketing activity for Dr. Martens is presented, in order to combine theory with practice for a better research.

Neuroretail: design e neuromarketing per una migliore shopping experience

StudenteAda Pollesel
Titolo tesiNeuroretail: design e neuromarketing per una migliore shopping experience
Docente relatore: Prof. Mariano Diotto
Docente controrelatore: Prof. Chiara Bertato
Presidente commissione di tesi: Prof. Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 16 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Oggi non ci si accontenta più di possedere, si vuole vivere. Vivere a pieno ogni singolo attimo. Di fronte quindi a una società alla continua ricerca di esperienze edonistiche, anche il settore del retail design ha iniziato a creare degli spazi con i quali comunicare il brand e permettere al visitatore di vivere un’esperienza sensoriale unica. A tale scopo, la progettazione risulta essenziale: ogni dettaglio, ogni variabile sono pianificate in modo coerente e sinergico e devono tenere in considerazione non solo gli aspetti tecnici di allestimento, ma anche e soprattutto, le variazioni emozionali e psicologiche che gli stimoli sensoriali provocano. Il presente elaborato intende, quindi, indagare l’ambiente dell’acquisto tramite l’analisi di come exhibition design, marketing e neuromarketig possano collaborare e interagire tra loro per creare una shopping experience basata sulla persona.

Today we are no longer satisfied with possessing, we want to live. Live fully every single moment. Because of a society that is constantly looking for hedonistic experiences, even the retail design sector has begun to create spaces with which to communicate the brand and allow the visitor to live a unique sensorial experience. For this purpose, the design is essential: every detail, every variable are planned in a coherent and synergic way and they must take into consideration not only the technical aspects of staging, but also the emotional and psychological changes that the sensory urges cause. Therefore, this work intends to investigate the purchase environment through the analysis of how exhibition design, marketing and neuromarketig can collaborate and interact with each other to create a person-based shopping experience.

User experience design di un e-commerce. Dalla strategia al product development

Studente: Filippo Martinelli
Titolo tesiUser experience design di un e-commerce. Dalla strategia al product development
Docente relatore: Prof. Mariano Diotto
Docente controrelatore: Prof. Matteo Adamoli
Presidente commissione di tesi: Prof. Emilia Brovero
Data discussione tesi: 16 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

La tesi è un’analisi attenta degli sviluppi del mondo digital per indagare le componenti ingegneristiche, estetiche, psicologiche ed emotive che concorrono alla creazione di uno store digitale di ultima generazione. L’attenzione progettuale di un e-commerce determina un forte strumento comunicativo in grado di far vivere agli utenti storie, emozioni, rituali che convergono tutti nella cosiddetta experience . L’impatto tecnologico della tecnologia WebGL permette inoltre di realizzare immagini dinamiche, elementi tridimensionali, videogiochi e tutta una serie di strategie alternative che coinvolgono l’utente in narrazioni uniche all’interno dell’e-commerce. La ricerca scientifica diviene lo strumento per decifrare i nuovi codici comunicativi della vendita online.

A detailed analysis of the developments in the digital world aims to investigate the engineering, aesthetic, psychological and emotional elements that contribute to create the latest generation of digital store. A thorough designed e-commerce becomes a great communication tool able to make users experiment stories, emotions, rituals, the so-called “experience”. The technological impact of WebGL technology also allows the creation of dynamic images, three-dimensional objects, video games and a whole new strategies that involve the user in unique narratives within e-commerce. Scientific research becomes the tool to investigate the new communication codes of online sales.

Personalizzazione empatica: Progettazione di un ambiente benefico

Studente: Anna Bassani
Titolo tesiPersonalizzazione empatica: Progettazione di un ambiente benefico
Docente relatore: Prof. Federica Negri
Docente controrelatore: Prof. Andrea Altinier
Presidente commissione di tesi: Prof. Nicolò Cappelletti
Data discussione tesi: 15 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Esiste una profonda interrelazione fra soggetto e ambiente dimostrata in termini filosofici dalla fenomenologia e dall’empatia, e in termini biologici e fisici dai neuroni specchio e dal fenomeno dell’entanglement. È possibile dunque comprendere come non esista una distinzione oggettiva fra mondo interiore ed esteriore, ma che questi siano posti in interrelazione empatica, in quanto è necessario un costante dialogo intersoggettivo con l’altro da sé per comprendersi e per comprendere il mondo. Per questo motivo ogni progettazione, di contenuti o prodotti, dovrebbe tener conto di questa interdipendenza e costruire una risposta empatica ai bisogni di ogni individuo. In particolare, attraverso la personalizzazione cromatica si può creare un ambiente benefico, inteso in senso ampio. Il colore, infatti, diventa uno strumento indispensabile nella fase di acquisizione, elaborazione e recupero delle informazioni. Quindi, ogni evento o situazione, attraverso il colore, diventa un bagaglio cognitivo comportamentale utile all’individuo per imparare a muoversi nell’ambiente circostante.

A profound interconnection exists between subject and environment, which is philosophically explained by phenomenology and empathy and biologically by mirror neurons and the entanglement phenomenon. Therefore, it is possible to understand how it does not exist an objective distinction between the inner journey and the outside world but how these are interconnected empathically, as a persistent intersubject conversation with the other by itself is required in order to undertsnad each other and understand the world. For this reason, any planning of contents or products should take into account this interdependence and create an empathic answer to the needs of each individual. Specifically, it is possible to create a healthy environment, understood in broad sense, through the chromatic personalisation. As a matter of fact, colours become an essential tool during the stages of information acquisition, elaboration and recovery. Therefore each event or situation, through colours, becomes the cognitive behavioural experience, which is beneficial to the individual in order to learn how to move within the surrounding environment.