images/grafica/TESTATE/STC/TESI_DI_LAUREA/LE-NOSTRE-ECCELLENZE.png

Eccovi gli studenti che si sono laureati nella nostra università con il massimo dei voti nel corso di Baccalaureato/Laurea Triennale in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale.

I siti di social network sul grande schermo

Studente: Annamaria Stocco
Titolo tesiI siti di social network sul grande schermo
Docente relatore: prof.ssa Michela Drusian
Docente controrelatore: prof. Carlo Meneghetti
Presidente commissione di tesi: prof. Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 15 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

La tesi analizza la rappresentazione dei siti di social network sul grande schermo per osservare quale tipo di messaggi l’industria cinematografica stia comunicando riguardo a questo fenomeno che, negli ultimi vent’anni, ha acquisito una posizione estremamente rilevante nella nostra società. Per fare ciò, si confrontano i temi dei film con studi condotti realmente sui social media e con le teorie sulla società e sulla tecnologia. Mentre in alcuni film il ruolo dei social media è strumentale, in altri i social media sembrano esercitare potere sulle persone. I temi riscontrati più frequentemente sono l’identità, la privacy e il capitale sociale e il ruolo che i siti di social network giocano nella loro costruzione. 

The thesis analyses the representation of social networking sites on the big screen to observe what kind of messages the movie industry is communicating about this phenomenon which, in the last twenty years, has acquired an extremely relevant position in our society. To do so, it compares the movies’ themes to real-life studies on social media and to theories on society and technology. While in some movies social media’s role is instrumental, in others social media seem to exercise power over people. The themes found most frequently are identity, privacy and social capital, and the role social networking sites play in their fabrication.

Dall’enciclica Laudato Si’ alla progettazione di una startup innovativa con un modello economico per la salvaguardia del creato.

Studente: Giovanni Tonello
Titolo tesiDall’enciclica Laudato Si’ alla progettazione di una startup innovativa con un modello economico per la salvaguardia del creato.
Docente relatore: prof. Carlo Meneghetti
Docente controrelatore: prof. Claudio Giovanni Noventa
Presidente commissione di tesi: prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 15 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale in:Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Ci troviamo in una situazione storica in cui le condizioni del pianeta terra sono critiche dal punto di vista ambientale e relazionale. La seguente tesi considera il tema del rispetto del creato e delle sue creature grazie al supporto dell’enciclica Laudato Si’, presentata nel 2015 da Papa Francesco. Essa è uno strumento per contestualizzare il problema e per definire un modello utile alla costruzione di una startup innovativa. Inoltre, fondamentali sono stati i Global Goals dell’Onu per uno Sviluppo Sostenibile, le politiche europee della pianificazione 2030 e le azioni nazionali e locali. L’obiettivo è quello di concretizzare le parole di un’enciclica e degli altri documenti in un modello compatibile con la quotidianità.

We are living in a historical situation in which the Earth is dealing with some critical conditions from the environmental and relational point of view. The following thesis regards the theme of respect for creation thanks to the support given by the encyclical Laudato Si', presented in 2015 by Pope Francis. It's a useful tool to contextualize the mentioned issue in order to define a model or idea which stands at the base of an innovative startup.
Moreover, what has been essential for the sustainable development were the Global Goals of ONU, the European planning policies of 2030 and the national and local actions. The main purpose is to make concrete the encyclical message and the other documents in our daily life.

Etica della comunicazione e aggressività nel web: campagna sociale per GentleTUDE

StudenteEleonora Cenzon
Titolo tesiEtica della comunicazione e aggressività nel web: campagna sociale per GentleTUDE
Docente relatore: prof.ssa Mariagrazia Villa
Docente controrelatore: prof. Claudio Giovanni Noventa
Presidente commissione di tesi: prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 15 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

In questa tesi verrà approfondito il tema dell’aggressività nel web, attraverso una ricerca bibliografica e sitografica, in funzione alla progettazione di una campagna sociale che tratti il problema, utilizzando teorie e tecniche di comunicazione apprese nel corso triennale di Scienze e Tecniche della Comunicazione Grafica e Multimediale.
L’interesse ad approfondire questo tema è dato dalla sua crescente diffusione, che caratterizza sempre di più la comunicazione fra gli utenti della Rete, impedendo un confronto costruttivo e pacifico tra le inevitabili divergenze di pensiero.
Lo scopo è di cercare di definirne cause e conseguenze proponendo, al contempo, uno strumento di sensibilizzazione pratico ed efficace. Sono stati utilizzati gli strumenti che l’Etica e la deontologia offrono: potenti mezzi educativi che, se uniti alla pubblicità, possono apportare dei cambiamenti positivi all’interno della società. Il desiderio di progettare una campagna sociale per la Onlus Gentletude fa appello al valore che più si contrappone all’aggressività, capace di arginarla e combatterla, e su cui la ONG stessa si basa: la gentilezza.

In the following thesis the issue of aggressiveness on the web will be analyzed, through a bibliographic research and a search on the websites, with the main goal of designing a social campaign to fight the phenomenon, using the theories and techniques learned during the three-year course in Sciences and Techniques of Graphic and Multimedia
Communication.
The interest in investigating this issue is given by its growing spread, which causes it to characterize more and more the communication between users of the Internet, preventing a 
constructive and peaceful confrontation between the inevitable differences of thoughts. The aim is to define, as much as possible, the causes and the consequences of this issue and to offer an awareness-raising practical tool, using the teaching that Ethics and deontology offer, powerful educational means that, if combined with advertising, can bring about positive changes within society. The desire to design a social campaign for the Onlus. Gentletude appeals to the value that is most opposed to aggression, and is able to stem it and fight it, and on which the ONG is based: kindness.

Ipotesi di un progetto editoriale come trasposizione teorico-visiva per la mostra dedicata al rifugiato: Rothko in Lampedusa

Studente: Chiara Famengo
Titolo tesiIpotesi di un progetto editoriale come trasposizione teorico-visiva per la mostra dedicata al rifugiato: Rothko in Lampedusa
Docente relatore: prof. Aurelio Chinellato
Docente controrelatore: prof.ssa Greta Ruffino
Presidente commissione di tesi: prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 15 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Questo progetto vuole creare un prodotto grafico-editoriale che porti a riflettere sulla figura del rifugiato, un tema affrontato e sostenuto dalla mostra Rothko in Lampedusa, promossa da UNHCR, l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Filo conduttore dell’esposizione, nonché del progetto di tesi stesso, è la figura di Mark Rothko, fuggito dalle repressioni del regime sovietico agli inizi del Novecento. Se quel rifugiato non avesse trovato, nel paese di accoglienza, delle condizioni idonee all’espressione della sua potenzialità, oggi non avremmo le sue straordinarie opere. Siamo allora certi che tra i rifugiati contemporanei non vi sia il Rothko del XXI secolo? Partendo dunque da questo interrogativo, la tesi si articola in una fase di analisi delle tematiche sopra citate e una di progettazione. I mezzi appresi durante il percorso di studi universitario, le ricerche bibliografiche, le interviste agli artisti e i curatori della mostra diventano così uno strumento determinante nella costruzione di un prodotto editoriale coerente e complesso. L’obiettivo primo è quello di spostare l’attenzione da una visione mainstream proposta da stampa, radio e televisione sugli emarginati e le minoranze senza voce, verso una conoscenza più profonda dell’altro. Creare un filtro in grado di esaltare e supportare il singolo individuo a scapito di una massa senza volto e senza nome. 

This project aims to create a graphic-publishing product that reflects on the figure of the refugee, a theme addressed and supported by the exhibition Rothko in Lampedusa, promoted by UNHCR, the United Nations High Commissioner for Refugees. The main theme of the exhibition and of the thesis project itself is the figure of Mark Rothko, who fled the repression of the Soviet regime at the beginning of the twentieth century. If that refugee had not found, in the host country, the right conditions to express his potential, today we would not have his extraordinary works. Are we certain, then, that among contemporary refugees there is not the Rothko of the 21st century? Starting from this question, the thesis is divided into a phase of analysis of the above mentioned themes and a phase of planning. The skills learned during the course of university studies, bibliographic research, interviews with artists and curators of the exhibition thus become a decisive tool in the construction of a coherent and complex editorial product. The first objective is to shift the attention from a mainstream vision proposed by the press, radio and television on the marginalized and minorities without a voice, to a deeper knowledge of the other. To create a filter capable of exalting and supporting the individual at the expense of a faceless and nameless mass. 

 

Healthy Food Marketing: cibo sano ma con stile

Studente: Nicole Perin
Titolo tesi: Healthy Food Marketing: cibo sano ma con stile
Docente relatore: Prof. Nicolò Cappelletti
Docente controrelatore: Prof.ssa Chiara Bertato
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 15 luglio 2019
Laurea Triennale internazionale in:Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Le imprese oggi operano in un panorama dove i prodotti alimentari sono al centro della quotidianità e i social network hanno cambiato il modo di concepirli. Il cibo, simbolo di cultura e società, diventa anche un modo per raccontare la propria personalità ed esprimere sé stessi. Le nuove tendenze che nascono dal web vedono le scelte dei consumatori in continua evoluzione, con un passaggio dalla moda dei fast-food degli anni Ottanta al marketing salutistico attuale. Fenomeni che le aziende devono usufruire a proprio vantaggio innovando il modo tradizionale di fare marketing. Il mercato del cibo ha rubato il potere alla moda come creatrice di immaginari, desideri e bisogni all’interno di un panorama in continua evoluzione. I nuovi trend sono rappresentati soprattutto dall’artigianalità, la trasparenza e l’healthy, considerato non come un sottrarre qualcosa al cibo ma dargli un valore aggiunto e funzionale per l’espressione di sé. L’elaborato di tesi si pone l’obiettivo di analizzare le tendenze che hanno cambiato la percezione del cibo oggi e come il marketing possa essere applicato dalle aziende in un mercato alimentare salutistico al passo con i tempi.

Companies today operate in a landscape where food products are at the center of everyday life and where social networks have changed the way we conceive them. Food, a symbol of culture and society, also becomes a way to express oneself. The new trends that arise from the web see the consumers choices in continuous evolution, with a shift from the fast-food fashion of the eighties to the current healthy marketing. It is a phenomenon which companies must take advantage of in order to innovate the traditional way of doing marketing. The food market has stolen from fashion the power as a creator of imaginations, desires and needs within an ever-changing landscape. The new trends are represented above all by craftsmanship, transparency and healthiness, considered as an added and functional value for self expression. This thesis abstract aims to analyze the trends that have changed the perception of food today and how marketing can be applied by companies in today’s healthy food market.

Comunicare la scienza. Progettazione di una campagna pubblicitaria per promuovere la vaccinazione in Italia

Studente: Alessia Diotto
Titolo tesiComunicare la scienza. Progettazione di una campagna pubblicitaria per promuovere la vaccinazione in Italia
Docente relatore: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Docente controrelatore: Prof.ssa Greta Ruffino
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Chiara Bertato
Data discussione tesi: 5 marzo 2019
Laurea internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

La vaccinazione è uno dei temi “caldi” oggi in Italia. Sono infatti in aumento: il numero di persone che contraggono malattie prevenibili, il numero di persone che si dichiarano contrarie e rifiutano la vaccinazione e gli interventi governativi per contrastare queste tendenze, culminati con l’introduzione dell’obbligo vaccinale nel 2017. All’interno della tesi l’analisi della comunicazione scientifica e sociale e la presentazione dell’infografica come modalità di rappresentazione di dati in modo onesto e chiaro, sono guidate da un unico filo conduttore: trovare la giusta chiave per convincere le persone a modificare il proprio atteggiamento e comportamento nei confronti della vaccinazione. La fase di ricerca culmina con la realizzazione di una campagna pubblicitaria per la promozione della vaccinazione in Italia che fonda i propri pilastri portanti sull’informazione trasparente e veritiera e il richiamo delle persone alla propria responsabilità nei confronti della comunità.

Vaccination is a very controversial issue in Italy today. In fact we can see that the number of people who contract preventable diseases and the number of people who declare themselves against vaccination and refuse are increasing both a lot. Because of that also the number of government interventions to counteract these trends in increasing and reached the highest point with the introduction of the vaccination obligation in 2017. Within this thesis the analysis of scientific and social communication and the presentation of infographics, as a way of representing data in an honest and clear way, are conducted with a single common thread: find the right key to convince people to change their attitude and behavior towards vaccination. The research phase culminates with the creation of an advertising campaign for the promotion of vaccination in Italy. This campaign bases its pillars on transparent and truthful information and the appeal of people to take their responsibility towards the community.

La Corporate Identity e gli eventi internazionali: progettazione dell'identità dinamica per la possibile candidatura di Venezia ai Giochi Olimpici 2032

Studente: Alvise Bertolin
Titolo tesiLa Corporate Identity e gli eventi internazionali: progettazione dell'identità dinamica per la possibile candidatura di Venezia ai Giochi Olimpici 2032
Docente relatore: Prof. Andrea 
Docente controrelatore: Prof.ssa Greta Ruffino
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Chiara Bertato
Data discussione tesi: 5 marzo 2019
Laurea internazionale inScienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Lo scopo del presente elaborato è quello di analizzare la comunicazione e il linguaggio visivo che caratterizza i grandi eventi, soffermandosi in particolare sull’identità dei Giochi Olimpici. Questa ricerca punta ad approfondire la storia e gli elementi peculiari della manifestazione, studiandone l’origine e l’evoluzione nel corso degli anni. Attraverso l'analisi di alcuni casi studio sarà inoltre possibile osservare i differenti approcci progettuali seguiti dai designer nel corso delle diverse edizioni.
La finalità di questa ricerca è proporre, per la possibile candidatura della città di Venezia ai Giochi 2032, un’identità dinamica che possa rispondere alle esigenze narrative della manifestazione olimpica, riuscendo a comunicare in modo efficace sia l’aspetto territoriale della singola edizione sia il valore internazionale dell’evento.

The objective of this paper is examining the communication and the figurative language that are typical of big events, studying in particular the Olympic Games’ identity. The aim will be focused on the history, the traditions and the unique elements of the manifestation, by studying its origins and its evolution during the years. By the observation of some case studies, it will be possible to grasp the different approaches used by designers during several
editions. Taking in consideration the possible candidacy of the city of Venice for the Olympic Games of 2032, this study illustrates a dynamic identity that is able to fulfil the narrative needs of the Olympic manifestation, in which the territorial aspect of the single edition and the international value of the event are presented effectively.

L’albo illustrato come strumento per lo sviluppo della creatività nel bambino: Bruno Munari e la didattica attiva

StudenteAurora Bertin 
Titolo tesiL’albo illustrato come strumento per lo sviluppo della creatività nel bambino: Bruno Munari e la didattica attiva
Docente relatore: Prof. Ferruccio Cavallin
Docente controrelatore: Prof. Aurelio Chinellato
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 4 marzo 2019
Laurea internazionale in:Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

L’albo illustrato o picturebook è una forma letteraria dedicata all’infanzia in cui il testo e l’immagine giocano una relazione sinergica, dalla quale possono scaturire universi di significati. La ricchezza di tale genere, perciò, permette di parlarne non solo in termini culturali e artistici, ma anche pedagogici. La ricerca seguente, in particolare, è incentrata sullo studio delle possibilità del picturebook di incentivare lo sviluppo delle facoltà creative nel bambino di età tra i sei e gli otto anni. A sostegno di tale analisi viene presa in esame la figura di Bruno Munari e la sua produzione editoriale rivolta all’infanzia, la quale rispecchia perfettamente la visione pedagogica promossa dall’artista, vicina al pensiero della didattica attiva.

A picturebook is a form of children literature where text and images play a synergic relationship, thanks to which lots of universes of meaning can arise. The richness of this literary genre, therefore, enables to talk about it not only in cultural and artistic terms but also in pedagogical terms.
The following research, in particular, is focused on the study of the possibilities of the picturebook to develop creativity in children between the ages of six and eight years old. Moreover, the analysis examines the personality of Bruno Munari and his editorial production for children, which perfectly reflects the pedagogical vision of the artist, near to the school of thought of the active learning.


Il Postmodernismo come linguaggio sempre attuale. Progetto di una mostra e della sua comunicazione come viaggio espositivo, emotivo e sensoriale

Studente: Elisa Martini
Titolo tesiIl Postmodernismo come linguaggio sempre attuale. Progetto di una mostra e della sua comunicazione come viaggio espositivo, emotivo e sensoriale
Docente relatore: Prof. Claudio Giovanni Noventa
Docente controrelatore: Prof. Davide Barbato
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 8 gennaio 2019
Laurea internazionale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

La volontà di comunicare su piani differenti, eterogenei e interdisciplinari ha caratterizzato il linguaggio del XXI secolo che si alimenta d’infinite verità tutte egualmente valide. L’obiettivo di questo elaborato è riscattare il Postmodernismo da decenni di critica negativa, grazie a una visione d’insieme che mira alla continua conoscenza del mondo. Dopo un’analisi dei personaggi più caratterizzanti di ieri e di oggi, la tesi si è dedicata alla progettazione di una mostra che possa rappresentare un viaggio nei luoghi e nel tempo. Il caso studio Fondazione Prada a Milano diventa per antonomasia il luogo capace di riflettere già dalla sua struttura urbanistica il concetto di Postmodernismo e lo restituisce coordinandosi con la mostra per diventare un linguaggio univoco costruito sull’esperienza sensoriale e immersiva a tutto tondo.

The wish to communicate at different, heterogeneous and interdisciplinary levels has marked the 21st century language nourished by equally valid and infinite truths. This work aims at redeeming Postmodernism from decades of negative criticism, thanks to an overall vision that aims at the world’s continuous knowledge. After analysing yesterday’s and today’s key characters, the thesis has focused on an “Exhibition Project” able to represent a journey in time and in place. The case study Fondazione Prada in Milan fully reflects, already in its urban structure, the concept of Postmodernism and restores it by coordinating with the exhibition to become a unique language built on sensory and thouroghly immersive experience.