images/grafica/TESTATE/MSTC/TESI_DI_LAUREA/LE-NOSTRE-ECCELLENZE.png

Eccovi gli studenti che si sono laureati nella nostra università con il massimo dei voti nel Corso di laurea di Licenza/Laurea Magistrale in Web marketing & digital communication - Creatività e design della comunicazione - Comunicazione integrata e Design.

Viaggiare in epoca post-web: come le immagini influenzano il turismo. Uno studio di visual communication per la città di Vienna

Studente: Francesca Galli
Titolo tesi: Viaggiare in epoca post-web: come le immagini influenzano il turismo. Uno studio di visual communication per la città di Vienna.
Docente relatore: Prof. Paolo Schianchi
Docente controrelatore: Prof. Giovanni Vannini
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Michela Drusian
Data discussione tesi: 07 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Creatività e design della comunicazione

In questa Tesi di Laurea Magistrale si indaga come l’ingresso nell’epoca post-web e nella cultura visiva abbia influenzato non solo il modo di rapportarci con gli altri, ma anche come noi stessi ci approcciamo al mondo e alle nostre esperienze. In particolare, si studia come le immagini abbiano e continuino costantemente ad influenzare la pratica del viaggiare e il modo in cui gli individui vivono l’esperienza dei luoghi. Il lavoro approfondisce come avviene la costruzione degli immaginari turistici delle città e quanto queste ultime diventino veri e propri brand che influenzano le aspettative e le pratiche turistiche. Si analizzeranno i diversi media che sono in grado di diffondere gli immaginari e il modo in cui essi vengono utilizzati dai turisti durante tutta l’esperienza di viaggio, da prima della partenza al ritorno a casa. Inoltre, si vedrà come siano gli stessi turisti a produrre cultura visuale attraverso le immagini e, in particolare, approfondendo il ruolo assunto dalla fotografia nella pratica del turismo post-web. Al termine della riflessione teorica, viene presentato uno studio di visual communication della città di Vienna, in cui vengono indagati i diversi tipi di approccio turistico alla città, nonché i diversi immaginari turistici profondamente radicati nell’immaginario collettivo. Segue una breve riflessione etica sulle immagini turistiche. Infine, viene presentata l’esperienza concreta del viaggio nella città di Vienna, realizzata con l’obiettivo di comprendere se sia ipotizzabile realizzare un’altra visione della capitale austriaca e se sia ancora possibile conoscere una città attraverso un’innocenza visiva.

The aim of this Master's Thesis is to investigates how the post-web era and the visual culture have influenced not only the way we relate to others, but also how we approach the world and our experiences. In particular, it studies how images constantly influence the way individuals live places and thus their way of traveling. This paper explores how touristic collective imagination is produced, and how consequently cities becomes real brands that influence tourist expectations and practices. We will take in consideration several medias which have the capacity to influence the common imaginary and we examine how they are used by tourists throughout their journey, from before departure up to returning home. Furthermore, we will take focus on how tourists themselves produce visual culture through images deepening the role taken by photography in the practice of post-web tourism. At the end of the theoretical reflection, a Vienna’s visual communication study is presented, where the different types of tourist approach are investigated along with the different tourist imaginaries deeply rooted in the collective imagination. A brief ethical reflection on tourist images follows. Finally, the concrete experience of the trip in Vienna is presented, with the aim of evaluate whether a different vision of the Austrian capital is actually conceivable and moreover whether any city might be visited through an innocence visual.

Modello strategico di digital communication per il mondo della ristorazione: dimensione etica e identità digitale di un agriturismo

Studente: Sara Zampieri
Titolo tesi: Modello strategico di digital communication per il mondo della ristorazione: dimensione etica e identità digitale di un agriturismo.
Docente relatore: Prof. Nicolò Cappelletti
Docente controrelatore: Prof. Paolo Schianchi
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Michela Drusian
Data discussione tesi: 07 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Web Marketing & Digital communication

Passione, metodo e costanza sono i tre valori su cui si fonda questa tesi magistrale, il cui soggetto è la creazione di un modello strategico ed etico di digital communication per “da Arturo”, un agriristorante con annessa fattoria didattica. Il mondo del Food e della Ristorazione costituisce una fetta importante dell’economia del nostro Paese, nonché momento esperienziale fondamentale per gran parte della società. L’assenza di una comunicazione solida e strutturata all’interno del settore in questione, però, rappresenta un’opportunità mancata per molte realtà. Da qui nasce la necessità di creare un modello di digital communication efficace e preciso che, sulla scia dei concetti appartenenti al Digital Food Marketing, vada a porre la comunicazione e le sue potenzialità al centro del business degli agriristoranti.

Passion, method and constancy are the values on which this master's thesis is based. The subject of this project is the creation of a strategic and ethical digital communication model for "da Arturo", an agri-restaurant with an attached educational farm. Food and Restaurant field constitutes an important part of our country’s economy, as well as a fundamental experiential moment for much of society. The lack of a solid and structured communication within the sector in question, however, represents a missed opportunity for many activities. Hence the need to create an effective and precise digital communication model that, in the wake of the concepts belonging to Digital Food Marketing, goes to place communication and its potential at the center of agri-restaurants’ business.

La Grappa in Italia: una proposta di Strategia Oceano Blu

Studente: Valery Dantone
Titolo tesi: La Grappa in Italia: una proposta di Strategia Oceano Blu
Docente relatore: Prof. Alberto Mason
Docente controrelatore: Prof. Umberto Rosin
Presidente commissione di tesi: Prof. Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 06 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Creatività e design della comunicazione

Il prodotto Grappa oggi sul mercato soffre a causa di diversi problemi, ma la problematica che maggiormente preoccupa le distillerie italiane sta nel fatto che la Grappa viene percepita dal consumatore come un prodotto “vecchio”. Prendendo ispirazione della Strategia Oceano Blu di [yellow tail] si è cercato di trovare una possibile risposta strategica e operativa a questo problema. Come riuscire, quindi, a svecchiare il prodotto Grappa? Per rispondere a questa domanda si sono svolte diverse ricerche, partendo da una ricerca di mercato, passando per un’analisi dell’arena competitiva, fino ad arrivare ad un’indagine di tipo qualitativo e ad una di tipo quantitativo. La ricerca qualitativa si articola attraverso due interviste strutturate svolte agli esperti del settore, mentre la ricerca quantitativa consiste in un questionario online rivolto al consumatore finale che ha raccolto 300 risposte, con le quali è stato possibile ottenere una fotografia chiara di quelle che sono le tendenze e i consumi dell’attuale mercato. Una volta comprese le dinamiche di questo settore, si sono utilizzati i framework della Strategia Oceano Blu per ipotizzare un nuovo spazio di mercato per le distillerie e, quindi, riposizionare il prodotto nella mente dei consumatori più giovani, grazie ad un nuovo ipotetico immaginario del prodotto Grappa: fresco, leggero e divertente. L’elaborato è stato sviluppato ad un livello esplorativo, ma può offrire delle possibilità per una prospettiva futura per gli operatori del settore, i quali dovranno ovviamente svolgerne una sperimentazione sul campo, delle ulteriori analisi e ulteriori ricerche soprattutto per la strategia di comunicazione.

The Grappa product on the market today suffers from various problems, but the problem that most worries Italian distilleries lie in the fact that Grappa is perceived by the consumer as an “old” product. Taking inspiration from the Blue Ocean Strategy of [yellow tail] an attempt was made to find a possible strategic and operational response to this problem for operators in the sector. How, then, to refine the Grappa product? To answer these questions, various researches were carried out in this thesis project, starting from market research, passing through an analysis of the competitive arena, up to a qualitative and a quantitative survey. The qualitative research is divided into two structured interviews conducted with industry experts, while the quantitative research consists of an online questionnaire addressed to the final consumer that collected 300 responses, with which it was possible to obtain a clear picture of what are the trends and consumption of the current market. Once the dynamics of this sector were understood, the frameworks of the Blue Ocean Strategy were used to hypothesize a new market space for distilleries and, therefore, reposition the product in the minds of younger consumers, thanks to a new hypothetical imaginary of the Grappa product: fresh, light and fun. The work was developed at an exploratory level, but it can offer possibilities for a future perspective for the operators of the sector, who will have to carry out field experimentation, further analyzes and further research especially for the communication strategy.

Personal Branding in the Italian Music Industry – The Importance of Personal Brands for Women in Hip-Hop

Studente: Candice Rose Brodeur
Titolo tesi: Personal Branding in the Italian Music Industry – The Importance of Personal Brands for Women in Hip-Hop
Docente relatore: Prof. Alberto Mason
Docente controrelatore: Prof. Umberto Rosin
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 06 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Creatività e design della comunicazione

Oggi le donne dell’hip-hop godono di un periodo d’oro, sia negli Stati Uniti (USA) che nel resto del mondo. Mentre le donne si stanno facendo sentire da tempo negli USA, solo recentemente le altre scene rap degli altri Paesi del mondo hanno accettato una vera presenza femminile. Questo studio si focalizza sulle esperienze delle rapper donne in Italia e si punta a fornire alle artiste emergenti un modello che possa massimizzare la durata della propria carriera e che possa conferire autenticità alla loro artist-brand (marca personale dell’artista). Il caso di studio compreso in questo lavoro analizza una artist-brand, Beba, che dimostra grande potenziale e che si è dimostrata particolarmente accattivante. Il caso di studio mira a comprendere come la costruzione del modello di branding dell'artista ha contribuito al suo successo personale e lo sviluppo dell’immaginario legato alla musica rap in Italia. La ricerca per il caso di studio è stata eseguita tramite l’osservazione diretta personale e interviste sia all’artista che alle diverse figure che gravitano attorno a lei. Il caso di studio è preceduto da un’analisi approfondita con capitoli dedicati al branding, al personal branding, l’industria musicale e il consumo della musica, per poi focalizzarsi sulla cultura dell’hip-hop, il ruolo delle donne nell’hip-hop e una ricostruzione cronologica della scena del rap Italiano. Questo studio include anche un case history il quale presenta il collettivo di Machete, un’entità fondamentale per lo sviluppo della scena rap odierno e che attualmente rappresenta l’ambiente ideale per gli artisti emergenti. Per capire i diversi modelli attualmente utilizzati per le rapper donne nell’industria musicale Italiana, sono state delineate alcune artiste emergenti. Oltre ad esse sono state selezione alcune artist-brands di artiste indipendenti, che hanno trovato successo nel mercato Americano e delineate come delle benchmarks a cui le artiste emergenti in Italia possono fare riferimento su come gestire al meglio la propria carriera. Questo studio ha rivelato che le donne nell’hip-hop oggi rappresentano una ‘mascolinità egemonica femminile ibrida’ (hybrid female hegemonic masculinity) che include sia dei tratti tipicamente femminili che tratti maschili. Questo modello dinamico ‘solleva’ (empowers) le donne come individui e le permette una grande diversità nella loro espressione artistica. Inoltre, questo lavoro ha evidenziato come i modelli ripetitivi ed eccessivamente sessualizzati utilizzati dalle major (etichette discografiche principali) soggiogano l’agency femminile e tendono a limitare la durata della carriera delle artiste donne. Di conseguenza il ruolo delle etichette indipendenti che permettono più controllo artistico e che valorizzino l’unicità dell’artista è diventato vitale, particolarmente per le rapper donne.

Women are currently enjoying a golden moment in hip-hop, both in the United States (US) and around the world. While women have been making themselves heard for some time in the US, other rap scenes across the globe have only recently accepted a female presence. This study focuses on the experience of female rappers in Italy and aims to provide emerging artists with an ideal model to maximize their career longevity and confer authenticity to their artist-brand. The included case study analyzes an artist-brand, Beba, that shows much potential and has emerged as particularly intriguing. The case study aims to understand how the construction of her brand model has contributed to her personal success and the development of the rap immaginario [collective imagery] in Italy. Research for the case study was carried out through direct observation and first-hand interviews with the artist and various professional figures that gravitate around the artist. The case study was preceded by a thorough analysis with chapters dedicated to branding, personal branding, the music industry, and the consumption of music, before winding down into a focus on hip-hop culture, the role of women in hip-hop and a chronological reconstruction of the Italian rap scene. This study also includes a case history that presents the Machete collective—a fundamental contributor to the development of the contemporary Italian rap scene and the ideal environment for emerging artists. To understand the types of models currently being used in the Italian music industry, a selection of emerging Italian female artist-brands are profiled. Moreover, a selection of successful American female artist-brands are also profiled as benchmarks to which the emerging Italian artists may look to for guidance on how to manage their career. This work concluded that women in hip-hop today embody a hybrid female hegemonic masculinity that includes both female and male gender traits. This dynamic model empowers women as individuals and allows them great diversity in their artistic expression. This work has also highlighted how the repetitive and overly sexualized models used by major record labels subjugate female agency and tend to indirectly limit career longevity in female artists. Consequently, the role of independent record labels that allow greater artistic control and that value individuality has become particularly vital for female artists.

Strategie e linee di sviluppo per la vendita di un prodotto cosmetico a scatola chiusa nel mercato della bellezza: i casi studio Perderma e Sephora

Studente: Claudia Ferrario
Titolo tesi: Strategie e linee di sviluppo per la vendita di un prodotto cosmetico a scatola chiusa nel mercato della bellezza: i casi studio Perderma e Sephora
Docente relatore: Prof. Umberto Rosin
Docente controrelatore: Prof. Ugo Guidolin
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 06 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Creatività e design della comunicazione

La tesi è volta a proporre delle soluzioni strategiche ed operative utili alle PMI operanti nel settore cosmetico, per la promozione e la vendita di prodotti cosmetici a scatola chiusa, ovvero di tutti quei prodotti che non dispongono di un tester fisico o di campioncini di prova gratuita. La ricerca prende in considerazione sia i canali tradizionali che quelli online, facendo anche riferimento al periodo di emergenza sanitaria da Covid 19, vissuto nei mesi di marzo, aprile e maggio. L’elaborato si sviluppa in quattro fasi: la presentazione del mercato di riferimento attraverso l’analisi della letteratura esistente, l’identificazione della domanda e del problema di ricerca, l’analisi delle strategie implementate dai due case studies scelti, Perderma e Sephora, ed infine la presentazione dei risultati e conseguente confronto degli stessi con il punto di vista del consumatore e della prospettiva accademica.

The thesis aims to propose strategic and operational solutions useful to PMI operating in the cosmetic market, for the promotion and sale of closed-box cosmetic products, which means all products that do not have a physical tester or free trial samples. The research takes into consideration both traditional and online channels, also referring to the period of Covid-19 health emergency, experienced in the months of March, April and May. The paper is developed in four phases: the presentation of the reference market through the analysis of the existing literature, the identification of the research problem, the analysis of the strategies implemented by the two chosen case studies, Perderma and Sephora, and finally the presentation of the results and consequent comparison of the same with the point of view of the consumer and the academic perspective.

Identità Aumentate: come cambia l'identità di marca nell'era della mixed-reality

Studente: Greta Magaraggia
Titolo tesi: Identità Aumentate: come cambia l'identità di marca nell'era della mixed-reality.
Docente relatore: Prof. Ugo Guidolin
Docente controrelatore: Prof. Vittorio Montieri
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 06 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Creatività e design della comunicazione

Questa tesi di laurea magistrale nasce dalla volontà di ripercorrere la storia del graphic design, a partire dai primi loghi progettati in funzione delle immagini coordinate, fino ad arrivare all'identità dinamica contemporanea. Sin dalla prima apparizione del concetto di “marchio di fabbrica” e il successivo avvento della rivoluzione mediatica degli anni Ottanta e Novanta, ogni movimento artistico e culturale ha avuto influenza sulla professione, le teorie e gli strumenti del designer. Si illustra quindi il ruolo determinante che l'innovazione digitale ha avuto sulla disciplina grafica e, in particolare, sullo sviluppo delle brand identity. Alla ricerca bibliografica segue la progettazione di Identità Aumentate, una user experience immersiva che introduce il contesto di mixed-reality che ci circonda, un'esperienza che può essere vissuta grazie allo sviluppo di un'App di Realtà Aumentata in grado di ridefinire i linguaggi comunicativi tradizionali.

This master's degree thesis stems from the desire to retrace the history of graphic design, starting from the first logos ever designed for coordinated images, up to the contemporary dynamic identity. Since the first appearance of the concept of “trademark” and the subsequent advent of the media revolution of the Eighties and Nineties, every artistic and cultural movement has had an influence on the graphic designer's profession, theories and tools. The research then carries on about the decisive role that digital innovation has had on the changes of the world of graphic design and, in particular, on the development of brand identities. The bibliographic research is followed by the development of Augmented Identities, an immersive user experience that introduces the context of mixed-reality that surrounds us, a reality that can be experienced thanks to the development of an Augmented Reality App capable of redefining the traditional communication languages.

Il valore etico della relazione nel digital marketing: linee guida per un rapporto umano

Studente: Ioana Iulia Lacatis
Titolo tesi: Il valore etico della relazione nel digital marketing: linee guida per un rapporto umano
Docente relatore: Prof.ssa Mariagrazia Villa
Docente controrelatore: Prof. Vittorio Montieri
Presidente commissione di tesi: Prof. Matteo Adamoli
Data discussione tesi: 05 ottobre 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Web Marketing & Digital communication

Questa tesi nasce dalla volontà di riflettere su un nuovo scenario del marketing contemporaneo, caratterizzato dalla crescente necessità di recuperare il lato umano e l’aspetto relazionale per instaurare un legame autentico con i clienti. Si sente parlare, infatti, di marketing umanistico o relazionale, ossia di un approccio le cui parole chiave sono l’ascolto, il dialogo costante e la comprensione dei bisogni del consumatore, che ora ha acquistato un ruolo centrale all’interno dell’impresa. Partendo da un’indagine teorica, basata su fonti bibliografiche e sitografiche, e dall’analisi di alcuni casi studio significativi, si arriverà alla creazione di un decalogo ad uso delle aziende, ossia una serie di linee guida utili per valorizzare il lato umano e costruire relazioni più oneste, etiche e sincere nell’ambito del digital marketing.

This thesis stems from the desire to reflect on a new scenario of contemporary marketing, characterised by the growing need to recover the human side and the relational aspect, in order to establish an authentic bond with customers. We hear a lot about humanistic or relationship marketing, that is to say an approach whose keywords are listening, constant dialogue and understanding the needs of the consumer, who has now acquired a central role within the company. Starting from a theoretical investigation, based on bibliographic and sitographic sources, and from the analysis of some relevant case studies, finally the thesis provides a decalogue for the companies, a set of useful guidelines to enhance the human side and build more honest, ethical and sincere relationships within the digital marketing field.

L'impatto del Covid-19 sul settore turistico: un'indagine esplorativa sui comportamenti di consumo e l'offerta turistica altoatesina

Studente: Petra Panfili
Titolo tesi: L'impatto del Covid-19 sul settore turistico: un'indagine esplorativa sui comportamenti di consumo e l'offerta turistica altoatesina
Docente relatore: Prof. Umberto Rosin
Docente controrelatore: Prof. Filippo Prataviera
Presidente commissione di tesi: Prof. Nicolò Cappelletti
Data discussione tesi: 15 luglio 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Web Marketing & Digital communication


Il turismo, uno dei principali settori economici al mondo, registra da oltre un decennio una crescita costante, ma la pandemia che nel corso del 2020 ha sorpreso il mondo intero, ha spinto l’intera industria turistica in una crisi senza precedenti. Attraverso la conduzione di un’indagine esplorativa che prevede la somministrazione di questionari online, si sono raccolti i primi dati sul comportamento del turista a seguito dell’emergenza e valutato se il turismo dell’Alto Adige – Südtirol sia concorrenziale. I risultati principali evidenziano un cambiamento di percezione del rischio e della salute, e non constatano la concorrenzialità della regione.

Tourism, one of the most important economic sectors worldwide, has enjoyed a constant growth over the past decades, but the pandemic that has surprised the entire world in 2020, has forced the whole industry into an unprecedented crisis/recession. Carrying out an exploratory survey, which is composed of online questionnaires, has enabled to gather the first data on the behavior of tourists following the health emergency and to evaluate the competitiveness of the tourism sector in South-Tyrol (Alto Adige). The main findings highlight a shift in the perception of risk and health, and they don't seem to back up the region's competitiveness.

Definizione di una strategia di marketing per conquistare il mercato della West Coast: il caso studio Ca' dei Frati

Studente: Maria Vittoria Bissoli
Titolo tesi: Definizione di una strategia di marketing per conquistare il mercato della West Coast: il caso studio Ca' dei Frati
Docente relatore: Prof. Francesco Sordi
Docente controrelatore: Prof. Ugo Guidolin
Presidente commissione di tesi: Prof. Nicolò Cappelletti
Data discussione tesi: 15 luglio 2020
Laurea Magistrale Internazionale in: Web Marketing & Digital communication

Ca’ dei Frati, leader nella produzione del Lugana Doc nel mercato italiano, ha deciso di entrare nel mercato statunitense e nello specifico, di rivolgersi ai Millennials e alla Generazione Z della West Coast. Come riuscire quindi a individuare una strategia che gli permetta di penetrare un contesto denso di player vitivinicoli d’eccellenza? E come riuscire a raggiungere il giovane pubblico? Nel seguente lavoro, attraverso un excursus sull’evoluzione dall’approccio tradizionale al marketing a quello più umanistico del web marketing e le sue implicazioni nel mondo wine, si è cercato di individuare una strategia che permetta sia all’azienda di raggiungere i suoi obiettivi di business, sia di trovare una soluzione che incontri il bisogno del target di rendere il vino più accessibile. Per fare ciò è stato applicato il modello 3D-ing, il quale permette di individuare se la strategia è vincente e si basa su tre azioni consequenziali. Con il Mapping si sono analizzati in profondità i soggetti che compongono il territorio competitivo, ovvero Offerta, Domanda e Concorrenza. Successivamente, queste tre singole analisi sono state confrontate grazie alla Laddering Analysis. Infine, nella fase di Matching, i diversi piani sono stati ricongiunti sovrapponendo da una parte l’analisi della Domanda e dell’Offerta e dall’altra, quella della Concorrenza e dell’Offerta. L’analisi così condotta ha permesso di individuare nella strategia Oceano Blu la via più adeguata per uscire dall’oceano rosso della competizione che caratterizza il mercato statunitense e allo stesso tempo, di soddisfare il bisogno del target audience di avere un vino più accessibile e semplice da comprendere.

Ca 'dei Frati, leader in the production of Lugana Doc in the Italian market, has decided to enter into the American market and specifically, to turn to the Millennials and Generation Z of the West Coast. So how can you identify a strategy that allows them to penetrate a context full of excellent wine players? And how can you reach the young audience? In my dissertation, through an excursion of the evolution from the traditional approach to marketing to the web marketing and its implications in the world of wine, I will try to identify a strategy that allows both the company to achieve its objectives and both to find a solution for the target's need to make wine accessible. To do this, I apply the 3D-ing model, which allows me to identify if the strategy is successful. It is also based on three consequential actions. With the Mapping, I analyze the competitive territory, that is composed by the Supply, Demand and Competition. Than I have been compered this three analyzes through the Laddering Analysis. Finally, in the Matching phase, the different plans were joined by superimposing on one hand the analysis of the Demand and the Offer and on the other, that of the Competition and the Offer. The analysis conducted has allowed us to identify in the Blue Ocean strategy the most updated way to exit from the red ocean of competition that characterizes the American market and at the same time, to satisfy the target audience's need to have a more accessible and simple to understand wine.