images/grafica/TESTATE/STC/TESI_DI_LAUREA/LE-NOSTRE-ECCELLENZE.png

Eccovi gli studenti che si sono laureati nella nostra università con il massimo dei voti nel corso di Baccalaureato/Laurea Triennale in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale.

Imprenditorialità, comunità e progettazione organizzativa, approfondimento dei tre elementi chiave per il lancio di un'impresa. Elaborazione di un business plan a partire dall'analisi sviluppata: il progetto Jade.

Data: 20 luglio 2021
Studente:
 Andrea Zoccatelli
Titolo tesi:
Imprenditorialità, comunità e progettazione organizzativa, approfondimento dei tre elementi chiave per il lancio di un'impresa. Elaborazione di un business plan a partire dall'analisi sviluppata: il progetto Jade.
Docente relatore:
 Ferdinando Azzariti
Baccalaureato in:
 Baccalaureato in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

L’imprenditore è colui che avvia un’attività finalizzata alla creazione di valore, assumendo un rischio estremamente elevato dato dalla complessità dei mercati. È un individuo eccezionale, in quanto a differenza della maggioranza della popolazione orienta il suo agire principalmente in funzione del bisogno di autorealizzazione, spesso trascurando necessità considerate dai più come di primaria importanza. È colui che fonda un’impresa e le conferisce un’identità che determina il modo in cui viene percepita dai soggetti con cui intrattiene rapporti. I valori sono uno dei fattori che definiscono la politica aziendale: se i principi su cui si basa tengono conto di tutti i portatori di interesse è più probabile che si costruisca una rete caratterizzata da rapporti che portano beneficio a tutti. Con l’avvento della rete uno degli stakeholders ha assunto ancora più rilevanza: il consumatore. Questa denominazione risulta quasi fuori luogo nell’ambiente digitale, dove gli utenti si riuniscono in communities che influiscono sulle vendite dei prodotti, elaborano proposte per migliorare l'offerta delle aziende e talvolta esercitano potere politico. Per sfruttare le potenzialità delle comunità è necessario un approccio mirato alla selezione di quelle in target e all’eventuale creazione di nuove che possano portare valore all’impresa. Una volta compresa la complessità del mercato, i rischi che un imprenditore deve affrontare, l’importanza dei valori, degli stakeholders e delle communities si può procedere alla progettazione organizzativa. Il risultato è l’organigramma, schema che contiene tutte le informazioni utili per definire le relazioni interne ed esterne, il punto di partenza su cui si imposta tutta l’attività economica.

The entrepreneur is the one who starts an activity aimed at creating value, assuming an extremely high risk given by the complexity of the markets. He is an exceptional individual: as unlike the majority of the population he mainly follows the need for self-realization, often neglecting needs considered by most to be of primary importance. He is the one who founds a company and gives it an identity. Values are one of the most important factors that define company policy: if it takes into account all the stakeholders, the firm will build an efficient network based on win-win relationships. With the advent of the internet, one of the stakeholders has taken on even more importance: the consumer. This denomination is almost out of place in the digital environment, where users gather in communities that affect the sales, develop proposals to improve the products offered and sometimes have political power. In order to exploit the potential of communities, it is required a methodological approach aimed at selecting the existing ones and at creating a new one which could lead to the creation of value for the company. Once you understand the complexity of the market, the risks that an entrepreneur has to face, the importance of values, stakeholders and communities, you can proceed with the organizational design. The result is the organization chart, a scheme that contains all the information useful for defining internal and external relations, it is the starting point for every economic activity.

Il fenomeno dei baby influencer su Instagram e YouTube: implicazioni etiche, sociali e normative

Data: 15 luglio 2021
Studente:
 Sofia Bissoli
Titolo tesi:
Il fenomeno dei baby influencer su Instagram e YouTube: implicazioni etiche, sociali e normative
Docente relatore:
 Mariagrazia Villa
Baccalaureato in:
 Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Oggi, sempre più spesso, nei profili Instagram o nei canali YouTube assistiamo a un nuovo fenomeno pubblicitario di cui sono protagonisti i bambini che sponsorizzano brand e prodotti di vario genere per il mercato delle vendite. Gestiti da genitori-manager, i cosiddetti baby influencer – bambini con meno di 13 anni – si impongono nella rete con un potenziale mediatico che può raggiungere ben oltre un milione di seguaci. Per le aziende, naturalmente, tutto questo è diventato un trend di grande interesse, dal momento che i più piccoli hanno la capacità non solo di raggiungere e influenzare più velocemente il pubblico dei pari, ma anche di attirare l’attenzione di giovani genitori inducendoli ad acquistare i prodotti da loro sponsorizzati. Eppure, sebbene la strategia dell’influencer marketing sia oggi sempre più in uso, quando sono i più piccoli a essere resi mediatori di un prodotto per trarne un guadagno, sorgono diverse questioni per la loro tutela e salvaguardia personale. Questioni, diremo, di carattere etico, sociale e normativo. La presente ricerca, oltre che tracciare un profilo di questo nuovo fenomeno emergente, si pone come fondamentale obiettivo quello di individuare e analizzare le principali problematiche che lo riguardano.

Nowadays, we are increasingly seeing a new advertising phenomenon in Instagram profiles or YouTube channels where children are the protagonists, sponsoring brands and products of various kinds for the sales market. Managed by parent-managers, the so-called baby influencers – children under the age of 13 – are standing out on the network with a media potential of well over a million followers. Naturally, for companies, this has become a trend of great interest, as the little ones have the ability not only to reach and influence peer audiences faster, but also to attract the attention of young parents and get them to buy the products they are sponsoring. Yet, although the strategy of influencer marketing is increasingly in use today, when it is the youngest who are made the mediators of a product in order to make a profit, several ethical, social and regulatory issues arise for their protection and personal safeguard. This research, as well as tracing a profile of this new emerging phenomenon, has the fundamental objective of identifying and analysing the main issues concerning it.

Generazione 4.0 e Phygital: restyling del marchio ieri e oggi e la tecnologia del NFC applicata alla temporary exhibition

Data: 14 luglio 2021
Studente:
 Anthony Bortoletti
Titolo tesi:
Generazione 4.0 e Phygital: restyling del marchio ieri e oggi e la tecnologia del NFC applicata alla temporary exhibition
Docente relatore:
Giovanni Claudio Noventa
Baccalaureato in:
 Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Qual è l’età da cui si può definire una persona anziana? Perché a un certo punto della vita sembra non esserci più un’attenzione specifica da parte del marketing su un determinato target? Se ci si ferma a riflettere, il periodo dell’età ‘anziana’ copre un’estensione sufficientemente lunga in termini di tempo, per diventare importante sotto il profilo dell’interesse e dell’attenzione. In questo elaborato verrà presa in analisi la fascia d’età dei qui definiti Senior 4.0, che copre la fascia di età over 65 anni, ponendo a sostegno della tesi dati e statistiche che, intersecate tra loro, fanno dedurre che essi siano un target di marketing da considerare.
Infatti, grazie alle competenze culturali, economiche e digitali, possono permettersi di godere la vita attraverso i viaggi e acquisti, e per questo poi beneficiare di modi d’acquisto nuovi e immediati, come quello che a oggi viene definito Phygital, un’interazione tra mondo fisico e mondo digitale.

What is the age from which an elderly person can be defined? Why does it seem at some point in life that there is no longer a specific focus on the part of marketing on a particular target? If you stop and think, the 'old age' period covers a sufficiently long extension in terms of time, to become important in terms of interest and attention. In this thesis, the age range of the Senior 4.0 defined here will be analyzed, covering the over 65 age group, supporting the thesis with data and statistics which, intersected with each other, lead to the deduction that they are a target of marketing to consider. In fact, thanks to cultural, economic and digital skills, they can afford to enjoy life through travel and shopping, and for this they can then benefit from new and immediate ways of purchasing, such as what is now called Phygital, an interaction between physical world and digital world.

Social Media Plan in Cina: come le aziende occidentali possono comunicare efficacemente nel panorama digitale cinese

Studente: Vittoria Gualtiero
Titolo tesi: Social Media Plan in Cina: come le aziende occidentali possono comunicare efficacemente nel panorama digitale cinese
Docente relatore: Prof. Andrea Altinier
Docente controrelatore: Prof. Ferdinando Azzariti
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Chiara Bertato
Data discussione tesi: 11 marzo 2021
Baccalaureato/Laurea Triennale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Spesso, quando si parla di social network, e più nello specifico di social commerce, le aziende compiono l’errore di circoscrivere il proprio ambito di azione alle sole piattaforme diffuse in Occidente, trascurando inevitabilmente le potenzialità inespresse di altri canali. Spostando però l’attenzione da una logica eurocentrica a una logica globale, risulta evidente come esistano dei particolari social con un ampio bacino d’utenza, basati su logiche simili ma, allo stesso tempo, profondamente differenti rispetto a quelli ai quali siamo abituati. Questi sono i social network cinesi, che connessi alle nuove abitudini di consumo della popolazione, risultano ricchi di opportunità per i brand occidentali che puntano a espandere le proprie logiche commerciali ad altri mercati. Tali aspetti portano a circoscrivere gli obiettivi di questa tesi nell’individuazione delle specifiche strategie e competenze crossculturali da adottare nel momento in cui un brand si accinge alla creazione di un social media plan orientato alle piattaforme cinese, così da fornire una rapida guida per comunicare efficacemente in un panorama digitale diverso da quello occidentale.

Very often, when it comes to social networks, and more specifically to social commerce, companies make the mistake of limiting their scope of action uniquely to platforms widespread in the West, inevitably neglecting the unexpressed potential of other channels. However, shifting the focus from a Eurocentric logic to a global logic, it is clear that there are social details with a large catchment area, based on similar logic but, at the same time, profoundly different from those we are used to. These are the Chinese social networks, which connected to the new consumption habits of the population, are full of opportunities for Western brands aiming to expand their business logic to other markets. These aspects lead to circumscribe the objectives of this thesis in identifying the specific cross-cultural strategies and skills to be adopted when a brand is about to create a social media plan oriented towards Chinese platforms, so as to provide a quick guide for communicating effectively in a digital landscape different from the western one.

La comunicazione del brand nel settore cosmetico. Progettazione di un'identità dinamica per l'azienda Made in Dolomiti S.r.l.

Studente: Serena Tobaldo
Titolo tesi: La comunicazione del brand nel settore cosmetico. Progettazione di un'identità dinamica per l'azienda Made in Dolomiti S.r.l.
Docente relatore: Prof. Andrea Barbato
Docente controrelatore: Prof.ssa Greta Ruffino
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Claudio Giovanni Noventa
Data discussione tesi: 9 marzo 2021
Baccalaureato/Laurea Triennale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

La società fluida e mutevole nella quale viviamo, si trasforma continuamente, imponendo agli individui e alle aziende di assecondare questo processo. In questo contesto di digital trasformation il brand diviene una piattaforma interattiva, ben rappresentabile attraverso, un’identità dinamica che permette a enti e aziende di comunicare sia i valori identitari che, gli aspetti più cangianti e in continua evoluzione. In particolare, nel settore cosmetico, è fondamentale che le aziende si dimostrino vicine e sensibili ai bisogni dei consumatori. Pertanto, il fine ultimo di questo elaborato è la progettazione di un logo dinamico per il brand cosmetico Made in Dolomiti, che possa rappresentare, all’interno delle sue forme, le peculiarità delle Dolomiti e l’esclusiva qualità dei prodotti.

The fluid society in which we are living in is constantly changing, forcing people and companies to accept and imitate this process. In this digital transformation environment, the brand became an interactive platform that can be well represented by a dynamic identity. This new identity allows organizations and companies to communicate both core values and the aspects that are constantly changing and evolving. In particular, in the cosmetics sector, it is essential for companies to be close and sensitive to consumers’ needs. Therefore, the main purpose of this work is the design of a dynamic logo for the cosmetic brand Made in Dolomiti, which can represent, within its shapes, the peculiarities of the Dolomites and the exclusive quality of the products.

Le strategie e tattiche del marketing esperienziale utili nell'evoluzione dell'utente lead in consumatore ambassador: il caso studio retail experience 4.0 Lush

Studente: Vanzelli Valentina
Titolo tesi: Le strategie e tattiche del marketing esperienziale utili nell'evoluzione dell'utente lead in consumatore ambassador: il caso studio retail experience 4.0 Lush
Docente relatore: Prof.ssa Chiara Bertato
Docente controrelatore: Prof.ssa Milena Cordioli
Presidente commissione di tesi: Prof. Matteo Adamoli
Data discussione tesi: 9 marzo 2021
Baccalaureato/Laurea Triennale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Il mercato, inteso come insieme della domanda e dell’offerta, è di certo da considerarsi un’entità in continua evoluzione in un contesto di interrelazione con il mondo e con gli individui: fin dalla sua nascita esso è stato protagonista di numerosi cambiamenti che si sono susseguiti fino ai nostri giorni e che, sicuramente, lo faranno ancora per molto. Gli obiettivi si sviluppano e si ampliano man mano in funzione di ciò che i consumatori desiderano e necessitano: si è difatti passati dalla comunicazione delle caratteristiche tecniche dei prodotti alla creazione di vere e proprie storie che nascono con lo scopo di colpire direttamente le emozioni più profonde del consumatore, coinvolgendolo nell’esperienza d’acquisto. A partire dallo sviluppo della società dei consumi le persone si trovano davanti a un numero infinito di scelte da prendere, profondamente influenzate da fattori specifici di cui l’essere umano non è pienamente consapevole: le emozioni. Le aziende giocano quindi oggi sulla creazione di un’esperienza sensoriale ed emozionale memorabile interamente concentrata sul cliente e sulle sue esigenze. Il caso studio retail experience di Lush preso in esame è un esempio vincente di pieno coinvolgimento del pubblico dal punto di vista emozionale.


The market, meant as a combination of supply and demand, is certainly to be considered an entity in continuous evolution in a context of interrelation with the world and the individuals: since its birth it has been the protagonist of many changes that have followed one another up to our days and that, surely, will do so for a long time to come. The goals are developed and enlarged as a function of what consumers want and need: in fact, we have moved from communicating the technical characteristics of the products to the creation of out-and-out narrations, that is stories born with the aim of directly moving the consumer's emotions, fully involving him in the shopping experience. Beginning with the development of the consumer society, people are faced with an infinite number of choices that must be made, profoundly influenced by specific factors of which the human being is not fully aware of: emotions. Businesses therefore are now aiming to create a memorable sensory and emotional experience entirely focused on the customer and their needs. The examined Lush retail experience’s is a successful example of full emotional engagement with the public.

L'efficacia del micro influencer marketing  per le piccole e medio imprese italiane nel settore del benessere: il caso studio natalia_menotti  - Armonizzare corpo e mente

Studente: Valeria Dalla Vecchia
Titolo tesi: L'efficacia del micro influencer marketing  per le piccole e medio imprese italiane nel settore del benessere: il caso studio natalia_menotti  - Armonizzare corpo e mente
Docente relatore: Prof.ssa Chiara Bertato
Docente controrelatore: Prof. Ferdinando Azzariti
Presidente commissione di tesi: Prof. Matteo Adamoli
Data discussione tesi: 9 marzo 2021
Baccalaureato/Laurea Triennale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

L’obiettivo della tesi è quello di approfondire i fenomeni del micro influencer marketing e dell’health marketing al fine di indagare le opportunità che il loro corretto utilizzo offre alle piccole e medie imprese del panorama italiano. Si intende esplorare le componenti culturali, sociali e psicologiche dei due settori di interesse per presentare, infine, alcuni casi studio particolarmente significativi nell’ambito della ricerca svolta. Il caso natalia_menotti - Armonizzare corpo e mente offre numerosi spunti di riflessione circa l’argomento trattato e costituisce l’esempio concreto di una corretta ed efficace applicazione delle strategie presentate. I restanti casi studio offrono l’opportunità di osservare da vicino le prerogative delle collaborazioni tra brand di piccole e medie dimensioni con influencer del settore health. Il tema è stato scelto per le sue caratteristiche di attualità e rilevanza all’interno dello scenario comunicativo odierno, ove i social network costutuiscono un tassello fondamentale dell’interazione tra un brand e il suo pubblico.

The aim of the thesis is to investigate the phenomena of micro influencer marketing and health marketing in order to study in deep the opportunities that their correct use offers to small and medium-sized enterprises in the Italian landscape. We intend to explore the cultural, social and psychological components of the two areas of interest to finally present some particularly significant case studies in the context of the research carried out. The case natalia_menotti - Armonizzare corpo e mente offers numerous points for reflection on the subject matter and constitutes a concrete example of a correct and effective application of the strategies presented. The remaining case studies offer the opportunity to closely observe the prerogatives of collaborations between small and medium - sized brands with influencers in the health sector. The topic was chosen for its actuality and relevance within today’s communication framework, where social networks constitute a fundamental element of the interaction between a brand and its audience.

Education technology e didattica a distanza: il ruolo dell’e-tutor nel caso studio dell’Istituto Universitario Salesiano di Venezia.

Studente: Luca Chiavegato
Titolo tesi: Education technology e didattica a distanza: il ruolo dell’e-tutor nel caso studio dell’Istituto Universitario Salesiano di Venezia.
Docente relatore: Prof. Matteo Adamoli
Docente controrelatore: Prof. Cristiano Dalpozzo
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Giovanna Bandiera
Data discussione tesi: 8 marzo 2021
Baccalaureato/Laurea Triennale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

Da marzo 2020, i docenti si sono dovuti confrontare con un modo diverso di fare lezione. Una modalità completamente online, che ha da subito generato una ricerca approfondita degli strumenti utili a fare lezione. Anche all’interno dello IUSVE (Istituto Universitario Salesiano Venezia) vi è stata la necessità di avviare in breve tempo la digital transformation della didattica, cercando le strategie adeguate per poter iniziare da subito l’attività a distanza. Trovare strumenti adatti non è l’aspetto fondamentale. Perlomeno non è l’unico aspetto che si deve considerare per poter creare delle lezioni online o in presenza che siano coinvolgenti e in cui lo strumento digitale sia di effettivo supporto all’attività didattica. Oggi la progettazione e l’applicazione di tecniche come il Design Thinking e la gamification sono fondamentali e devono essere affiancate agli strumenti digitali, che saranno selezionati in base agli obiettivi didattici definiti dal docente durante la progettazione. Fulcro dell’attività didattica, come supporto sia tecnologico che metodologico, è l’e-tutor, una figura complessa con competenze sia tecniche che pedagogiche. L’e-tutor può essere quindi il progettista principale del corso e-learning, ma anche un supporto e una guida ai docenti meno esperti che progettano in prima persona le proprie attività didattiche. A chiusura dell’elaborato vi è la raccolta di dati ricavati da un questionario online in cui sono state mappate competenze, conoscenze e strumenti utilizzati da docenti ed e-tutor in tutta Italia.

Since March 2020, teachers had to deal with a different way of teaching. A completely online mode, which immediately generated an in-depth research of the useful tools for teaching. Even within IUSVE (Salesian University Institute of Venice) there was a need to start the digital transformation of teaching as soon as possible, looking for the correct strategies that could make everyone start remote activities. Finding suitable tools is not the fundamental aspect. At least, it is not the only aspect that must be considered in order to create online or face-to-face lessons that are engaging and in which the digital tool is an effective support to the teaching activity. Today, the design and application of techniques such as Design Thinking and gamification are fundamental and must be combined with digital tools, which will be selected based on the teaching objectives defined by the teacher during the preparation. The core of the teaching activity, as a support both technological and methodological, is the etutor, a complex figure who takes on both technical and pedagogical skills. The e-tutor can therefore be the main designer of the e-learning course, but also a support and guide for less experienced teachers who plan their own teaching activities by themselves. At the end of the thesis, there is the collection of data obtained from an online questionnaire in which skills, knowledge and tools used by teachers and e-tutors throughout Italy have been mapped.

Origini e sviluppi del testimonial pubblicitario in Italia: dalla carta stampata all’influencer marketing

Studente: Sabina Secondo
Titolo tesi: Origini e sviluppi del testimonial pubblicitario in Italia: dalla carta stampata all’influencer marketing
Docente relatore: Prof.ssa Arianna Novaga
Docente controrelatore: Prof. Ferruccio Cavallin
Presidente commissione di tesi: Prof.ssa Chiara Bertato
Data discussione tesi: 12 gennaio 2021
Baccalaureato/Laurea Triennale in: Scienze e tecniche della comunicaz. grafica e multimediale

Il presente elaborato si pone lo scopo di compiere un excursus nella storia della pubblicità italiana analizzando chi sia il testimonial pubblicitario, secondo le varie definizioni degli esperti, quale sia il suo compito e quali siano i rischi connessi al suo utilizzo in ambito promozionale. Oltre a mettere in luce le modalità di utilizzo del testimonial nel panorama pubblicitario italiano, commerciale e no profit, l’elaborato analizza, tramite la descrizione di una serie esplicativa di casi specifici, come sia cambiato il ruolo del testimonial con l’av-vento della televisione e, in seguito, dei social network. Dunque, con il seguente progetto si intende prendere in esame la figura del testimonial, ripercorrendone le origini, studiandone il presente e ipotizzandone i prossimi sviluppi con l’avvento dell’influencer marketing e dei robot influencer, anche grazie a un’intervista esclusiva con una influencer affermata, studentessa dello IUSVE.

This paper aims to make an excursus into the history of Italian advertising by analyzing who the advertising testimonial is. The analysis will be presented through various defini-tions of the experts and will be defined what the testimonial task is and what are the risks associated with the use of testimonials in the promotional field. I will also highlight the methods of the use of testimonials in the Italian commercial and non-profit advertising land-scape, the paper analyzes how the role of the testimonial has changed with the advent of television and, subsequently, of social networks, through the description of an explanatory series of specific cases. With the following project I intend to examine the figure of the testi- monial, retracing its origins, studying its present and hypothesizing its next developments with the advent of influencer marketing and robot influencers. This analysis will completed with an exclusive interview with an established influencer, as well as a IUSVE student.