Percezione del Made in Italy in Cina

Studente: Filippo Mengo
Titolo tesi: Percezione del Made in Italy in Cina
Docente relatore: Prof.ssa Michela Drusian
Docente controrelatore: Prof. Giovanni Claudio Noventa
Presidente commissione di tesi: Prof. Matteo Adamoli
Data discussione tesi: 06 ottobre 2020
Laurea Triennale Internazionale in: Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale

In un mondo dominato da una sempre più crescente potenza economica della Cina, risulta fondamentale capire come condurre affari con questa nazione così distante geograficamente e culturalmente. Il Made in Italy gode di un’ottima reputazione in territorio cinese, che offre la propria classe abbiente come uno dei target preferiti dalle marche di lusso italiane. L’obiettivo della tesi è quindi quello di analizzare la percezione che la clientela del Dragone riserva ai brand del Belpaese e capire come poter sfruttare al massimo il potere attrattivo dell’italianità nel mercato internazionale. Per farlo si ricorre allo studio del cosiddetto Country of Origin Effect – un costrutto mentale che influenza il buying behavior dell’acquirente in base al paese di provenienza del prodotto che si sta valutando –, e all’approfondimento di come la tradizione del Confucianesimo influenzi ancora oggi le abitudini d’acquisto dei cinesi.

In a world characterized by the ever-growing economical power of China, it is important to understand how to do business with this nation, that is both geographically and culturally distant. The reputation of Made in Italy in China is really positive and its wealthy class has become the main target of luxury Italian brands. The goal of this work is to analyze the Chinese perception of Italian products and understand how to make the most of the power of attraction of Made in Italy in the global market. In order to do so, it is necessary to investigate the influence of the Country of Origin Effect – a mental construct that modifies the costumer’s buying behavior depending on the country of origin of the product –, and the Confucianism’s concepts that still affect the Chinese customers’ decisions.