Risultato del contest “Progetto dell’house organ per l’associazione Believe APS, Verona”

Risultato del contest “Progetto dell’house organ per l’associazione Believe APS, Verona”

É stata pubblicata la graduatoria relativa al contest del secondo anno del corso di Laboratorio di Grafica editoriale e metodologia progettuale tenuto dai proff. Aurelio Chinellato e Giovanni Claudio Noventa del corso di Laurea DGD dei campus IUSVE di Mestre e Verona, con la collaborazione della dott.ssa Francesca Fincato e dott.ssa Melissa Falda.

Di seguito si riporta quanto ha deciso la committenza.
«Tutti i progetti si segnalano per la qualità estetica e la funzionalità dell’applicabilità, sia delle proposte editoriali sia delle presentazioni esposte.
Ai progetti è stato attribuito un punteggio sui seguenti criteri di valutazione: mappa concettuale, riferimenti culturali, iter progettuale, principi progettuali, pertinenza al tema, progetto del prodotto editoriale, scelte del carattere tipografico, creatività, presentazione del gruppo.
La scelta dei progetti è stata complicata nella fase di selezione dei lavori presentati dai due campus, di cui si elencano i tre gruppi finalisti.

I° classificato: Gruppo 8 del campus di Verona
Il prodotto editoriale ha colpito per la semplicità, la coerenza tematica, l’applicabilità e il gusto estetico con riferimenti alla cultura visiva del passato senza rinunce contemporanee, che si collega comunque ai valori identitari del brand. Il carattere tipografico proposto è allineato per le sue applicazioni e coerente con il progetto.

II° classificato: Gruppo 3 del campus di Mestre
La grande razionalità e l’eleganza della proposta sviluppata hanno portato a selezionare questo progetto. La linea estetica sofisticata, pur di grande omogeneità e pulizia di segno, coglie solo in parte i confini identitari legati alle esigenze della committenza.

III° classificato: Gruppo 2 del campus di Verona
Del progetto hanno colpito in particolare l’utilizzo delle immagini modificate in una scelta cromatica elegante e il particolare utilizzo delle titolazioni, pur risultando nell’insieme meno collegato alle esigenze della committenza e alla pertinenza al brand.


La committenza si accorderà con i docenti per procedere con i progetti e prendere contatto con i gruppi; l’occasione è gradita per porgere i nostri sinceri ringraziamenti a tutti gli studenti che hanno presentato i progetti»