Storia del Graphic Design

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: STC08100

Crediti: 4

Ore: 32

Docenti:

MORINI MICAELA

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Il rapporto tra la grafica, le tecniche di riproduzione e soprattutto i sistemi di comunicazione sono interdipendenti.

Nel corso si esamineranno perciò le modalità di sviluppo e modifica dei diversi sistemi grafici e comunicativi nel corso di un'evoluzione sempre più serrata che oggi ci mette a confronto con la "quinta dimensione", quella virtuale ed informatica.

Come si sono interfacciate le dinamiche di produzione grafica con tali sistemi?

Proveremo a verificare le soluzioni stilistiche prodotte da parte di artisti/autori che hanno lasciato la loro impronta anche nelle più giovani generazioni. La trasformazione da un'ottica gutenberghiana a una informatica è sotto gli occhi di tutti e ci pone interrogativi riguardo alle scelte future. Spesso sono proprio i modelli più alti della storia della grafica ad indicarcene la strada.

L'insegnamento di Storia del Graphic Design intende fornire al profilo professionale del laureato in Digital & Graphic Design un ampio quadro di riferimento culturale e intellettuale.

L'analisi di diversi aspetti della comunicazione offrirà allo studente l'opportunità di sperimentare e capire l'importanza di sapersi muovere su molteplici livelli espressivi. Ciò gli permetterà di portare avanti progetti comunicativi completi, in cui l'immagine e la parola siano in grado di interagire e arricchire il messaggio da trasmettere.

Prerequisiti richiesti

Nessuno

Competenze

Al termine del corso lo studente sarà in grado di:

1. esercitare l'arte del domandare come arte del pensare;

2. argomentare le proprie posizioni e comunicarle di conseguenza;

3. comprendere e riconoscere il linguaggio grafico-artistico come base per lo sviluppo di una competenza professionale che ha come fine l'efficacia comunicativa.

Abilità

La capacità di comunicazione multidisciplinare è il principale risultato dell'insegnamento.

Lo studente acquisirà l'abilità di:

1. comprendere quanto la storia della grafica sia in costante dialogo con il mondo esterno;

2. integrare discipline come Semiotica, Storia dell'arte, Filosofia del linguaggio, Estetica;

3. articolare e comunicare in termini linguisticamente e concettualmente corretti i temi affrontati durante lo studio;

4. approfondire in modo autonomo il costante dialogo tra arte, cultura e tecnologia per poter comunicare le proprie idee attraverso segni iconici, fotografici e simbolici, font, dimensioni, colori, in un prodotto finale che sia armonico ed esteticamente soddisfacente per il target di riferimento.

Conoscenze

La conoscenza della storia del design attraverso le analisi delle teorie, degli autori e dei movimenti artistico culturali dalla fine del XIX secolo a oggi.

Il corso è organizzato cronologicamente.

1. esaminerà il dialogo tra le forme visive dell'arte e il design, come nel movimento Arts and Crafts, nel Futurismo, nel Costruttivismo russo, nella fotografia Surrealista e nel fotomontaggiio Dada fino ai lavori post moderni e contemporanei;

2. analizzerà i manifesti e gli autori più significativi del periodo;

3. si focalizzerà, nella parte generale sui movimenti moderni nell'arte e nel design - de Stijl, Futurismo, Dada- che continuano a rappresentare le basi estetiche e filosofiche del graphic design oggi; 

4. si soffermerà sui numerosi momenti in cui le innovazioni formali e teoriche nell'arte e nel graphic design si sono integrate, grazie al contributo di alcuni personaggi o allo sviluppo di istituzioni ( Bauhaus, La scuola di Ulm). I campi del designer e dell'arte saranno luoghi paralleli di discussione per affrontare lo sviluppo del graphic design dalla metà del XIX secolo fino alla fine del '900;

5. la fase centrale del corso muoverà dal modernismo europeo al contesto americano. Approfondendo quelle implicazioni che hanno portato il modernismo a interagire con la cultura del consumo, e mostrando come le contraddizioni della teoria e pratica modernista siano confluite nel postmodernismo. Nel corso delle due fasi alcune figure chiave saranno analizzate monograficamente, nel contesto più ampio dei linguaggi e dei loro cambiamenti, oltre che in quello dei differenti ambiti disciplinari. Dal minimalismo anni '60/'70 orientato al total design (AG Fronzoni, ma anche Otl Aicher), alla grafica negli Stati Uniti (Milton Glaser), agli Studi associati inglesi, fino alle nuove tendenze legate ai media digitali (web, interaction design), senza trascurare le emergenze italiane più interessanti degli ultimissimi anni.

Bibliografia

Manuale obbligatorio per tutti gli studenti:

Baroni Daniele-Vitta Maurizio, Storia del design grafico, Longanesi, Milano, 2007

Testi consigliati:

Andrea Rauch, Il racconto della grafica: storie e immagini del graphic design italiano e internazionale dal 1890 a oggi, La casa Uscher, Firenze, 2017

Il racconto della grafica:

Albe Steiner, Il mestiere del grafico, Einaudi,Torino, 1978

Bruno Munari, Design e comunicazione visiva, Laterza, Bari, 2017

Leo Lionni, Tra i miei mondi. Un'autobiografia, Donzelli, Roma, 2015

Bob Norda, Una vita nel segno della grafica, Editrice San Raffaelle, Milano, 2009

Paul Rand, Pensieri sul design, Postmedia Books, Milano, 2016

Massimo Vignelli, Il canone Vignelli, Postmedia Books, Milano, 2012

John Maeda, Le leggi della semplicità, Mondadori ed. 2006

Sagmeister & Walsh, Beauty, Phaidon Press, 2018

David Carson, The End of Print: The Graphic Design of David Carson

Riccardo Falcinelli, Critica portatile al visual design, Einaudi, 2014

Focus

Attraverso le bibliografie di autori consigliati durante le lezioni, si approfondirà lo studio della grafica. Si scopriranno vite, talenti, passioni e pensieri sul design

Metodologia

1. lezioni frontali;

2. analisi guidata dei testi e degli autori;

3. discussione sui contenuti;

4. schemi di sintesi;

5. esercitazioni: si richiederà agli studenti, singolarmente o in gruppo, di dare rappresentazione grafica o in forma di linguaggio (power point, video, rielaborazioni grafiche) a concetti e autori presentati durante il corso, in modo da sviluppare la propria capacità di sintesi e individuare i nessi applicativi fra l'ambito culturale e quello più strettamente professionale.

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

L'esame si terrà sotto forma di colloquio dove verranno valutati sia l'elaborato finale  (a scelta dello studente sul programma d'esame e concordato con l'insegnante, in forma cartacea, o d'immagine (power point, video, rielaborazioni grafiche, tesine cartacee)on-line o altro) che la presentazione degli studenti attraverso interrogazione orale.

La forma orale varrà il 60% del voto finale, mentre l'elaborato varrà il 40%

Contatti e Orario di ricevimento

m.morini@iusve.it

La docente riceve su richiesta degli studenti accordandosi preventivamente via e-mail