Teoria della percezione e psicologia della forma

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: STC08600

Crediti: 4

Ore: 32

Docenti:

REBESCHINI ANNA

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Il corso di Teoria della percezione e psicologia della forma introdurrà un dubbio sulla visione e la percezione cercando di scardinare il realismo ingenuo. Grazie allo studio delle varie teorie riguardanti il funzionamento del cervello in relazione alla sensorialità e dei relativi modelli si forniranno gli strumenti per leggere correttamente le immagini proposte dal mercato e utilizzare nel modo più appropriato gli elementi grafici. La conoscenza profonda e la capacità di applicare le teorie della percezione visiva e la psicologia della forma permettono al digital&graphic designer di distinguersi nel mercato della comunicazione grazie all’utilizzo consapevole di tutti gli strumenti. Inoltre con queste nozioni si escluderanno errori nella formulazione dei messaggi visivi e si capirà come analizzare le immagini di clienti e competitors prima di iniziare una progettazione o una strategia di comunicazione.  

Prerequisiti richiesti

nessuno

Competenze

Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di:
1 – Porsi domande rispetto a immagini e situazioni che sembrano banali
2 – Analizzare con naturalezza i messaggi visivi che giungono da diversi media
3 – impostare con senso critico descrizioni approfondite di prodotti visivi complessi 

Abilità

Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di:
 1 – Impostare una corretta analisi della struttura nascosta di un'immagine
 2 – riconoscere i messaggi non immediati di un'opera
 3 – distinguere la posizione dettata da un realismo ingenuo rispetto a quella definita tramite la conoscenza del funzionamento di cervello, organi sensoriali e percezione
 4 – utilizzare nella progettazione le regole base della percezione e della gestalt 

Conoscenze

Gli argomenti trattati saranno:
 1 – cos'è la percezione:
le neuroscienze e le teorie della percezione
2 – perché e come vediamo:
 l’apparato visivo;
cenni de l’udito, il tatto, il gusto, l’olfatto;
la luce
3 – come vediamo il colore
4 – come vediamo gli oggetti:
figura-sfondo; 
i principi della teoria della gestalt;
 5 – la comunicazione visiva:
 punto, linea superficie;
 dinamica, forze, tensioni, equilibrio;
 tipi di prodotti visivi;
composizione lo spazio;
il movimento;
forma, texture e materiali 

Bibliografia

Obbligatori
- Kanizsa, G. Grammatica del vedere, Il Mulino, Urbino, maggio 2019
 - Bressan, P. Il colore della luna. Come vediamo e perché, Editori GLF Laterza, Bari, 2019

Facoltativi
- Arnheim, R. Arte e percezione visiva, Feltrinelli, Milano 1999
 - Kandinsky, W. Punto, linea, superficie, Biblioteca Adelphi, 1968 - 36^ ed.
- Albers, J. Interazione del colore. Esercizi per imparare a vedere, Il Saggiatore, 2013
- Altri indicati durante la lezione dal docente (riferimenti nelle slide) 

Focus

Approfondimento su gestalt. Si proporrà un esercizio di basic design classico che veniva proposto al bauhaus

Metodologia

0 – introduzione alla percezione partendo dalle attese e dalle conoscenze degli studenti (dialogo)
1 – lezione frontale di teoria: il docente fornirà delle slide mute per agevolare il dispiegarsi del discorso
2 – semplici esercitazioni per ogni macro argomento trattato in modo da far sedimentare le conoscenze e dare la possibilità agli studenti di porsi domande
3 – costituzione di una galleria iconografica condivisa (pinterest). Tema: i principi della gestalt nel 2020
4 – analisi in aula di figure semplici fino a arrivare a immagini complesse 

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

Criteri di valutazione:
– usare una terminologia la terminologia specifica della disciplina
– saper collegare le varie nozioni apprese
– riuscire ad analizzare un'immagine nuova con senso critico, utilizzando le conoscenze apprese durante il corso
– mettere in pratica le leggi della gestalt

 Modalità di esame
La prova d'esame sarà scritta con l'aggiunta di qualche semplice esercizio pratico. Il giorno dell'esame il docente chiederà di inviare (mail) i pdf di tutte le esercitazioni svolte durante il corso e ne terrà conto nella valutazione finale. L'esame non verterà solo su quanto detto in aula ma anche su parte dei testi obbligatori non discussi durante la lezione 

Contatti e Orario di ricevimento

a.rebeschini@iusve.it 

Il docente riceve su richiesta degli studenti accordandosi preventivamente via mail.