Laboratorio: Creativity and graphic design lab

Tipo insegnamento: Obbligatorio

Codice: STC60012

Crediti: 5

Ore: 40

Docenti:

MOMETTI MADDALENA

Finalità dell'insegnamento e apporto specifico al profilo professionale

Ciò che distingue un designer professionista da un dilettante è la capacità di riflettere sulla metodologia e il bagaglio culturale che ha condotto allo sviluppo di una determinata soluzione progettuale. La capacità riflessiva richiede non solo l’esperienza diretta delle fasi che compongono il processo di design, ma anche la capacità di ricostruirle e di riproporle sistematicamente. Sapere riflettere sul processo del design fa sì che la creatività diventi metodo e approccio sistematico. In questo modo il lavoro creativo può essere pianificato, coordinato e gestito in tutti i contesti nei quali un professionista del design della comunicazione viene chiamato a operare.  

Prerequisiti richiesti

  • Conoscenza della lingua inglese a un livello B2. 
  • Aver frequentato il corso Creativity and Graphic Design. 

Competenze

Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà essere in grado di:Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà essere in grado di:

 

  1. padroneggiare la relazione tra teoria e pratica del design, attraverso l’analisi del lavoro di progettisti contemporanei e attraverso lo sviluppo di un propria pratica riflessiva personale; 
  2. sviluppare in autonomia e in modo professionale dei progetti grafico-comunicativi;
  3. sviluppare, dimostrare e documentare un approccio personale al processo del design grafico. 

 

Abilità

Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà essere in grado di:

1.a - comprendere come teoria e pratica si contaminano e si valorizzano a vicenda; 

1.b - comprendere come è possibile generare valore attraverso il graphic design;

2.a - applicare i metodi e le tecniche del graphic design;

2.b - conoscere, scegliere e utilizzare i metodi e le tecniche più adatte a supportare il design thinking nelle differenti fasi del processo;

2.b - rispondere in modo preciso e creativo ad un brief progettuale;

2.c - applicare le teorie apprese durante il Corso Creativity & Graphic Design nello sviluppo del progetto di design;

2.d - sviluppare l'attitudine alla collaborazione e al lavoro di gruppo; 

2.e - sviluppare un brief creativo e una strategia di design attraverso l’identificazione di un’utenza specifica e la strutturazione del problema;

3.a - sviluppare l’attitudine allo sviluppo di progetti grafici secondo una prospettiva transdisciplinare;

3.b - argomentare le proprie scelte progettuali in modo preciso e convincente.

3.c - sviluppare la capacità critica, auto-valutativa e di presentazione delle idee; 

3.d - sviluppare la capacità collaborativa tra peers e con la committenza. 

Conoscenze

Il laboratorio di Creatività e Graphic Design si fonda sempre su problemi autentici posti dall’industria e dalla piccola e media impresa in modo che gli studenti comprendano fin da subito le esigenze dell’economia e il suo linguaggio. In questo confronto le imprese possono riconoscere il potenziale innovativo della creatività e ricevere uno stimolo a valorizzarla e a perseguirla anche nei propri processi gestionali e di sviluppo. In armonia con le linee guida definite anche da altri paesi avanzati per l’applicazione della creatività al mondo dell’impresa, il laboratorio pratico vuole andare oltre la preparazione di studenti che siano in grado di collaborare e comprendere altri specialisti. Vuole, infatti, che essi imparino a valutare come il cliente usa il design prima di proporre un progetto che abbia sì il potenziale di produrre un beneficio commerciale immediato, ma anche di aumentare la consapevolezza del valore di idee innovative. In questo modo gli studenti imparano ad andare oltre la mera risposta a un brief creativo perché sono addestrati a definire il problema in collaborazione con il cliente e ad aggiungere valore reale ai processi decisionali dell’impresa. La collaborazione con le imprese è fruttuosa per entrambe le parti, per gli studenti e per gli specialisti che dalle imprese collaborano attivamente al laboratorio assistendo alle presentazioni degli studenti e valutando il loro lavoro. 

 

Attività applicative 

Gli studenti lavorano in gruppi interdisciplinari e si impegnano nelle seguenti attività: 

  • apertura dello spazio-problema e ricerca dell’utenza di riferimento (target); 
  • co-sviluppo di un brief creativo e strutturazione del problema; 
  • esplorazione e applicazione di una metodologia fondata nel design e nell’arte; 
  • produzione di idee innovative; 
  • verifica delle idee e costruzione di prototipi; 
  • presentazione dei risultati di progetto alla committenza; 
  • compilazione di un process book/log book in cui viene dimostrato il processo di problem-solving, la ricerca e l’esplorazione concettuale e visiva, e dove vengono motivate tutte le scelte progettuali. 

 

Bibliografia

Manuali obbligatori: 

  • MARTIN B. - HANINGTON, B. M., Universal methods of design: 100 ways to research complex problems, develop innovative ideas, and design effective solutions, Rockport Publishers, Beverly, 2012 

 

Bibliografia consigliata: 

  • ARMSTRONG H. - STOJMIROVIC Z., Participate : designing with user-generated content, Princeton Architectural Press, New York, 2011 
  • AVELLA N., Paper engineering: 3-D design techniques for a 2-D material, RotoVision, Mies- Switzerland, 2009
  • BRINGHURST R., Gli elementi dello stile tipografico, Sylvestre Bonnard, Milano, 2001 
  • CLAVER FINE P., Sustainable graphic design: principles and practices, Bloomsbury Academic, New York, 2016 
  • DE BONO, E., Buona idea!: esercizi per il pensiero creativo, Erikson, Gardolo (TN), 2008 
  • HELLER S., 100 ideas that changed graphic design, Laurence King, London, 2010 
  • KALBACH, J., Mapping experiences: a guide to creating value through journeys, blueprints, and diagrams, O’Reilly, Beijing, Boston, 2016 
  • LUPTON E., Graphic design thinking: beyond brainstorming (1st ed.), Architectural Press - Maryland Institute College of Art, New York - Baltimore - Princeton, 2011 
  • MÜLLER-BROCKMANN J., Grid systems in graphic design: a visual communication manual for graphic designers, typographers and three dimensional designers, Niggli, Sulgen/Zürich, 2007 

Focus

Verrà proposto un approfondimento tematico pertinente al problema specifico affrontato nel laboratorio.  

Metodologia

  • Presentazione di casi studio che facilitino lo sviluppo di schemi di problem-solving adeguati al problema. 
  • Introduzione a strumenti e strategie che supportino lo sviluppo di schemi per la definizione del problema, la ricerca di informazioni, il ragionamento e l’argomentazione. 
  • Domande rilevanti per il caso studiato ai fini di guidare il processo di problem-finding oltre che di problem-solving. 
  • Letture di approfondimento e slide tematiche, a seconda delle necessità che emergeranno. 
  • Presentazione di metodi e tecniche progettuali (design methods). 
  • Feedback alle presentazioni dei risultati delle attività e feedback alle riflessioni raccolte nel process book.
  • Valutazione continua. 

Criteri di valutazione e Modalità d'esame

L’esame si terrà nella forma di una presentazione orale dei risultati del progetto e di un colloquio sul proprio approccio personale al processo di graphic design e sulle scelte progettuali. 

Contatti e Orario di ricevimento

Contatti 

m.mometti@iusve.it 

 

Orario ricevimento 

La docente è a disposizione dopo il termine delle lezioni su richiesta degli studenti previo accordo tramite e-mail da inviare almeno 2 giorni prima della data di interesse.