images/grafica/TESTATE/DIPARTIMENTO_COMUNICAZIONE/SHOWROOM.png

Ecco gli elaborati e le eccellenze realizzate dagli studenti del Dipartimento di Comunicazione e articoli, attività di comunicazione e pubblicazioni realizzati dai nostri docenti.

Creazione dello spazio di exhibition design e immagine coordinata dell’Istituto A. Magarotto ISISS

Siamo lieti di comunicare l’esito del contest indetto per il Laboratorio di exhibition design e metodologia progettuale, tenuto dai docenti Aurelio Chinellato e Giovanni Claudio Noventa, rivolto agli studenti del primo anno del Corso di Laurea in Digital & Graphic Design dei Campus di Mestre e Verona.

La committenza  ha richiesto la progettazione dello spazio allestitivo per l’Expo Scuola Fiera di Padova, il progetto del corner-allestimento per l’open day e il progetto di restyling e/o di un nuovo assetto della corporate image dell’Istituto Statale di Istruzione per Sordi (ISISS) A. Magarotto di Padova.

I lavori sono stati presentati online alla dott.ssa Caccaro, il 24 e il 26 maggio 2021.

Di seguito si elencano i criteri di valutazione:

  • mappa concettuale,
  • riferimenti culturali,
  • iter progettuale,
  • principi progettuali,
  • pertinenza al tema,
  • progetto dello spazio espositivo,
  • progetto del marchio,
  • creatività,
  • presentazione del gruppo.

Nonostante gli allievi fossero soltanto alla prima esperienza progettuale in quanto del primo anno di corso, tutti i lavori hanno proposto un'immagine generale riconoscibile e fortemente identitaria.

L’alto livello grafico, l’efficacia degli elementi comunicativi, la capacità di saper utilizzare segni coerenti e mai scontati, sia nelle proposte di exhibition design sia nella creazione del marchio o nel suo restyling, hanno reso difficile la scelta finale, dei lavori presentati dai gruppi dei due Campus.

Progetto primo classificato.
Gruppo n.3 di Verona
Il progetto ha convinto per la capacità di aver articolato in modo coerente sia la forma del logo sia l’applicazione dello stesso sullo spazio di exhibition design degli spazi fieristici e degli interni dell’Istituto A. Magarotto.

Progetto secondo classificato
Gruppo n.1 di Mestre
La proposta è risultata efficace in particolare per il marchio e le sue applicazioni grafiche sui vari supporti; anche lo spazio allestitivo si è basato su un concept di grande semplicità e applicabilità.

Progetto terzo classificato
Gruppo n.1 di Verona
Di questo progetto è piaciuto il logotipo e la razionalità del sistema espositivo, anche se leggermente meno convincenti rispetto ai progetti sopracitati.

Progetto segnalato
Gruppo n.9 Verona
Il progetto viene segnalato per aver osato linguaggi grafici di grande originalità e purezza grafica, con il limite di essere meno contestualizzato rispetto alle richieste

I lavori di tutti i gruppi sono stati di forte impatto, sia dal punto di vista grafico che allestitivo sapendo codificare argomenti culturalmente alti, ricorrendo a forme innovative e originali, valorizzando la specificità della scuola rivolta a studenti sordi e udenti.

L’Istituto Magarotto organizzerà una mostra interna agli spazi scolastici, dando visibilità a tutti i progetti e in particolare a quelli sopra menzionati. I docenti del laboratorio, daranno le indicazioni necessarie per la preparazione e consegna del materiale necessario

Si coglie infine l’occasione per ringraziare tutti gli allievi, lo IUSVE e i docenti per la loro competenza e disponibilità.

L’Istituto A. Magarotto

A suon di musica

Il laboratorio di Advertising Multimediale del Baccalaureato in Advertising & Marketing ha costituito un banco di prova importante durante il quale gli studenti hanno avuto la possibilità di confrontarsi con prassi e dinamiche proprie del mondo della comunicazione pubblicitaria audiovisiva e multimediale.

Per un mese circa il laboratorio si è aperto agli studenti chiamati a creare ed elaborare un progetto grazie alla collaborazione con una società che opera nel settore musicale.

Seguendo tutte le fasi di lavorazione (dall’ideazione alla finalizzazione del progetto) gli studenti si sono messi alla prova confrontandosi con le teorie, le strategie e i linguaggi appresi durante il corso teorico di “Linguaggi e strategie dell’advertising multimediale”.

Gli studenti dei Campus di Verona e Mestre, divisi in gruppi, si sono quindi cimentati nell’ideazione e realizzazione di numerosi videoclip musicali per una selezione di giovani artisti emergenti del panorama musicale italiano e straniero.

Quest’anno, infatti, il corso ha visto la committenza di un’etichetta discografica indipendente.
XO Publishing è un editore musicale con sede a Verona, divisione editoriale del collettivo XO La Factory, realtà emergente pugliese che si occupa di discografia, management e booking. Oltre a curare le edizioni del roster XO, si occupa di scouting dal basso, affiancando giovani artisti che vogliono muovere i primi passi nel mercato discografico, in un clima sereno ma allo stesso tempo sfidante, che mette alla base del lavoro un confronto costante sulle canzoni e sul percorso artistico da intraprendere.

La conclusione del laboratorio ha visto tutte le studentesse e gli studenti del corso impegnati a presentare i proprio progetti in una giornata intensa e ricca di sorprese.
Un’esperienza decisamente positiva che non vediamo l’ora di ripetere il prossimo anno accademico!

Mario Vallenari di XO Publishing ha dichiarato: “Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla voglia di mettersi in gioco dei ragazzi dello IUSVE, hanno lavorato ai videoclip con dedizione, seguendo le indicazioni fornitegli ma, allo stesso tempo, utilizzando una loro poetica come collante capace di unire musica e immagini”.

Qui potrete trovare una selezione dei lavori presentati:

Campus di Verona

Gruppo 3
https://youtu.be/GQ938SrXRvQ

Gruppo 10
https://youtu.be/DFT_j2ksug8

Gruppo 13
https://youtu.be/tFNp8BWlXMo


Campus di Mestre

Gruppo 2
https://youtu.be/BIluOchpvAA

Gruppo 3
https://youtu.be/MxGA2sKbPO4

Gruppo 8
https://youtu.be/M_ARFAw-mlc

Gruppo 15
https://youtu.be/24ygW-GVKs4

Rete per il contrasto alla Violenza contro le donne: risultati del contest

Siamo lieti di comunicare la graduatoria relativa al contest indetto al secondo anno del corso di Type Design & Lettering, tenuto dai docenti Aurelio Chinellato e Giovanni Claudio Noventa, rivolto agli studenti del secondo anno del Baccalaureato in Digital &Graphic Design dei Campus di Mestre e Verona.

La violenza contro le donne è forse la violazione dei diritti umani più odiosa e vergognosa. Essa non conosce confini geografici, culturali, di classe sociale.

La “Rete per il contrasto alla Violenza contro le donne” costituita da circa un anno presso l’ULSS 3 su input regionale e formata da 43 partner espressione dei comuni, dell’associazionismo, del sindacato, delle forze dell’ordine, della Magistratura, è nata con l’obiettivo di promuovere e realizzare specifiche azioni di contrasto alla “violenza contro le donne”, e di sensibilizzazione nei confronti della comunità locale.

Il coinvolgimento della Comunità è necessario poiché la violenza contro le donne non è un problema delle Donne, ma un tema sul quale si misura il grado di rispetto e di civiltà dell’intera comunità.

La Cabina di regia della Rete ha ritenuto di coinvolgere gli studenti del secondo anno del Baccalaureato in Digital & Graphic Design dello IUSVE presso i Campus di Mestre e Verona che hanno lavorato alla definizione di un marchio riconoscibile, efficace e un progetto di specifico type design per creare un sistema integrato di comunicazione atti a identificare graficamente il senso e il ruolo della Rete.

I lavori sono stati presentati alla Cabina di regia e condivisi con la Regione del Veneto – Direzione Relazioni Internazionali, Comunicazioni e Sistar – Diritti Umani e Libertà Fondamentali.

Ai progetti è stato attribuito un punteggio sui seguenti criteri di valutazione: mappa concettuale, riferimenti culturali, iter progettuale, principi progettuali, pertinenza al tema, progetto del marchio, progetto del carattere tipografico e del lettering, creatività, presentazione del gruppo.

Di tutti i lavori presentati, hanno colpito l’alto livello grafico generale, l’efficacia degli elementi comunicativi, la capacità di saper utilizzare segni coerenti e mai scontati, sia nella creazione del marchio che nella progettazione di un carattere tipografico pertinente.

La scelta è stata difficile, vista la completezza e pertinenza dei lavori presentati dai gruppi dei due campus, di cui si elencano i tre gruppi individuati con le relative motivazioni.

Progetto selezionato
Gruppo n.8 di Verona “Rete Aiuto Donna”.
Il progetto è stato selezionato per essere applicato, convincendo per la pertinenza complessiva col tema e originalità nella forma del logo e del naming perfettamente integrato dalla semplicità della tipografia di grande logica, in aderenza al tema e alla potenzialità espressiva.

Progetto segnalato:
Gruppo n.8 di Mestre “Care”.
La proposta è risultata di grande coerenza ed interesse, sia per il marchio, che ha giocato esclusivamente sul lettering, sia per le applicazioni grafiche sui vari supporti.

Progetto segnalato
gruppo n.1 di Verona “AO”.
Di questo progetto sono piaciute le applicazioni e in particolare lo studio del carattere tipografico, con alcune scelte nel naming leggermente meno convincenti rispetto ai progetti sopracitati.

I lavori di tutti i gruppi sono stati di alto valore, non solo per il contributo tecnico/grafico, ma soprattutto per la capacità di lettura di un fenomeno sociale carico di significati culturali ed emotivi, descritti in modo chiaro ed efficace, senza forme grafiche ovvie, allusive o payoff stereotipati, con la capacità di rappresentare e valorizzare l’empowerment femminile, senza richiamare codici legati alla vittimizzazione.

Sono stati di grande interesse i riferimenti culturali, la presentazione verbale e l’applicazione che i gruppi hanno proposto per la comunicazione sui social.

La Cabina di regia ha concordato l’importanza di presentare in alcune iniziative cittadine di carattere pubblico i lavori degli studenti, realizzando delle mostre itineranti in tutto il territorio dell’Azienda.

Con l’occasione della partecipazione dell’ULSS  3 alla Terza edizione del Festival delle IDEE, che quest’anno si articola sul tema “Chi siamo, Chi saremo”, il Direttore dei Servizi Socio Sanitari ULSS 3 Dott. Massimo Zuin ha ritenuto di condividere con i Partner della Rete e la Comunità tutta il lavoro degli studenti, per dare avvio alla grande campagna di sensibilizzazione e informazione che la Rete per il Contrasto alla Violenza contro le donne si è impegnata a realizzare.

Sarà pertanto presentato in tale sede il “nuovo marchio” della Rete Territoriale ULSS 3 come tema primario del “CHI SAREMO”.

L’ obiettivo dell’evento che si terrà il 17 ottobre presso il Padiglione Rama - Ospedale dell’Angelo è porre sotto i riflettori, attraverso i progetti degli studenti dello IUSVE, il fenomeno della violenza contro le donne, e la presenza sul territorio di una rete capillare, costituita oltre che dalle Unità Operative degli Ospedali  e  dei Distretti della ULSS 3, dalla Prefettura e dalle Forze dell’Ordine, dai Centri Antiviolenza e dagli Sportelli antiviolenza, dagli Enti Locali, dalla Magistratura e dagli Uffici Giudiziari, dalle Università, dall’Ufficio Scolastico Regionale, dagli Ordini Professionale, dalla Città Metropolitana, dalla Organizzazioni Sindacali, dalla Consigliera di Parità della Città Metropolitana, da Cooperative e Associazioni del Privato Sociale per far sì che le persone conoscano le radici e la profonda gravità del problema.

Si invitano quindi gli esponenti di tutti i gruppi a presenziare il 17 ottobre dalle ore 10:00 alle 12:00 presso il Padiglione Rama -Ospedale dell’Angelo di Mestre (VE), dove verranno esposte tutte le tavole dei gruppi che hanno partecipato al contest e data priorità all’esposizione del gruppo selezionato.

A tutti i gruppi che hanno partecipato al contest, viene fornita la possibilità di esporre le tavole realizzando una sintesi delle stesse
in un'unica tavola formato 60 x 84 cm (B x H, prevedendo un’abbondanza di 3 mm. e segni di taglio, con cartiglio a destra in verticale con nomi e cognomi inserendo e marchio dello IUSVE); solamente ai tre gruppi segnalati nei primi tre posti, viene data la possibilità di realizzare n.2 tavole in formato 60 x 84 cm (quindi una tavola in più per gruppo).

I documenti/tavole dovranno essere consegnati entro il 30 settembre 2021, in formato aperto (“pacchetto” da InDesign o Illustrator) + un PDF in alta risoluzione, a Lunardi Michele, Responsabile dell’Ufficio di Comunicazione Integrata (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) in modo da poter essere stampate ed esposte nello spazio universitario sopra indicato.

Oltre allo IUSVE e a tutti gli studenti del corso di Laboratorio di Type design &lettering, si coglie l’occasione per ringraziare i docenti Aurelio Chinellato e Giovanni Claudio Noventa per la loro competenza e disponibilità.

Direttore Sociale
Dott. Massimo Zuin

Sibisan Adela Nicoleta è la vincitrice della borsa di studio in ricordo di Alberto Allavena

In linea con la mission propria dello IUSVE e con la tradizione e lo stile salesiano, lo IUS e l’azienda PAT infinite solutions di Montebelluna, sono orgogliose di assegnare la borsa di studio in ricordo di Allavena alla studentessa di Laurea Triennale in Digital e graphic design dello IUSVE di Verona Sibisan Adela Nicoleta.

La borsa di studio, ispirata alla memoria del graphic designer Alberto Allavena, è finanziata dall’azienda e ha la finalità di sostenere e introdurre nel mondo del lavoro studenti meritevoli dello IUSVE del corso Digital e Graphic Design che abbiano frequentato il secondo anno.

La premiazione” ufficiale è avvenuta il 9 settembre 2021 in occasione della riapertura dello spazio di design in un edificio storico, ristrutturato e riqualificato quale il Palazzo della Luce in centro storico a Treviso.

Patrizio Bof, Presidente e Fondatore di Infinite Area e PAT, racconta: “un edificio risalente agli inizi del 1500 che torna oggi a risplendere di una nuova luce, con un nuovo concept innovativo. […] Mette a disposizione uffici e postazioni per coworking in cui i professionisti possono sentirsi a casa, condividere le proprie esperienze e arricchirsi grazie allo scambio reciproco di idee e competenze”.

Congratulazioni alla nostra studentessa!

Umar - L'ultimo cortometraggio di Francesco Cibati

Francesco Cibati, laureato allo IUSVE in Web marketing & digital communication, a maggio 2021 ha girato in soli due giorni, il cortometraggio dal titolo “Umar”,  il cortometraggio è un documentario d'osservazione, prodotto da Raw Sight  (rawsight.it), neonata casa di produzione audiovisiva fondata a luglio assieme a Michael Petrolini e Marco Bergonzi che lo hanno affiancato nella realizzazione del corto.

Umar è l’omaggio ad un ragazzo Pakistano, da cui il lavoro prende il nome, che Francesco ha incontrato a Trieste nel febbraio del 2020. Il lavoro narra la storia di questo ragazzo senza focalizzarsi su ciò che è stato il suo passato travagliato e sofferente, ma bensì su ciò che è diventato oggi. La storia di Umar è la storia archetipica del migrante che dopo aver terminato il suo viaggio, si riprende ed inizia una nuova vita.

Anche se le riprese sono state concentrate in soli due giorni, per poter fare un ritratto fedele di chi è Umar, il ragazzo è stato seguito nella sua routine quotidiana.
Grazie anche all'aiuto dei mediatori culturali Raheem Ullah, Shabana e Ismail Swati, Umar ha raccontato e scritto la sua storia, nonostante sia quasi analfabeta, parole ed emozioni sono poi diventate nel video la voce di Umar che racconta la propria storia.

Il lavoro ha già ricevuto premi e menzioni in importanti Film festival europei come: Lavori in corto, Berlin Indie Film Festival e Vesuvius International Film Fest.

Complimenti a Francesco da tutto lo IUSVE per i premi ricevuti che non testimoniano solamente la sua professionalità e creatività, ma inoltre mettono in evidenza la sensibilità verso tematiche non facili da trattare e storie di rinascita e riscatto.

Se vuoi approfondire e vedere il trailer
https://filmfreeway.com/Umar2021

Soffi d'ali - Il respiro dell'arte

“Soffi d’ali” è il progetto di un gruppo di studenti della Licenza/Laurea Magistrale dell'Area di Comunicazione ed educazione dello IUSVE che hanno realizzato un cortometraggio, girato lo scorso aprile/maggio interamente tra la città di Marano e le sue Riserve naturali, coinvolgendo sei giovani musicisti del corso di Tromba del Conservatorio “C.Pollini” di Padova, l’associazione La Via delle Arti di Porcia e con il patrocinio e la preziosa collaborazione del Comune di Marano Lagunare.

Le storie di questi giovani trombettisti con il suono delle loro trombe ci accompagnano dal centro del paese fino all’Oasi dei Casoni in un percorso volto a rieducare alla convivenza con il territorio e a dare nuovo valore all’arte, che specialmente durante la pandemia covid-19 ha vissuto momenti davvero difficili. L'obiettivo è restituire alla cultura un ruolo primario in sinergia con l’ambiente, che si riscopre tempio stesso della musica. 
I ragazzi si sono incontrati lì, a bordo laguna ben prima che in aula visto che buona parte delle lezioni erano online causa Covid19. Hanno incrociato le bellezze della Riserva Naturale della Laguna di Marano e provato a raccontarla attraverso le immagini, la musica, la comunicazione social e un sito www.soffidali.org.

25 studenti dell’Università IUSVE e 6 studenti del Conservatorio “C.Pollini” di Padova si sono dedicati alla progettazione e realizzazione dell’evento a 360 gradi, studiando e costruendo ogni dettaglio. Si sono divisi in gruppi per dedicarsi a tutti gli aspetti principali dell’organizzazione dell’evento: strategia e creatività, riprese montaggio e post produzione, social media e grafica, ufficio stampa e comunicazione.  I giovani musicisti hanno scelto e registrato le musiche che sentiremo, hanno prestato i loro volti nelle riprese trasformandosi in attori, hanno costruito la colonna sonora dell’intero cortometraggio.

Il progetto è stato interamente ideato e sviluppato dagli studenti IUSVE seguiti dalla docente del corso di Web and digital event, prof.ssa Cristiana Rossato e per la parte musicale dal direttore artistico M° Diego Cal, docente di tromba del Conservatorio patavino.

Il loro lavoro verrà presentato in prima assoluta la serata del 24 luglio 2021 il cortometraggio “SOFFI D’ALI” e a seguire i “Trombettissimi”,  gli studenti di tromba del Conservatorio di Padova, protagonisti del video, si esibiranno in un concerto dal vivo.

L'evento si terrà a Marano Lagunare, Piazza Frangipane - sabato 24 luglio alle ore 21.
L'ingresso è gratuito ma è necessaria la prenotazione chiamando il 3201974363

 

Alice, Elenia e Giorgia vincono l’Hackathon del Parlamento Europeo in collaborazione con il WMF 2021

L’Area di Comunicazione ed educazione ha il piacere di annunciare la vittoria di Alice, Elenia e Giorgia all’Hackathon #insiemeper #ilFuturoèTuo oganizzato dal Parlamento Europeo all’interno dell’edizione  del WMF 2021 (15, 16 e 17 luglio).
Per il secondo anno di fila IUSVE vince l’Hackathon organizzato dal Parlamento Europeo al We Make Future 2021.

Il progetto di quest’anno prevedeva il coinvolgimento di giovani comunicatori nella costruzione di una campagna di comunicazione che sproni i cittadini a partecipare alla Conferenza sul Futuro dell'Europa.

I Team iscritti avevano il compito di valorizzare, attraverso la strutturazione di vere e proprie campagne di comunicazione creative con l’inclusione di fumetti, disegni e visual arts.

4 tematiche che saranno al centro della Conferenza:

  • diritti umani;
  • emergenza climatica;
  • sviluppo e occupazione;
  • partecipazione democratica in Europa.


All’hackathon hanno partecipato due gruppi di studenti IUSVE coordinati dal prof. Nicolò Cappelletti, tutti arrivati in finale, con la possibilità di presentare il proprio speech durante l’edizione 2021 del WMF.
Al termine della presentazione è stato decretato il vincitore sul mainstage, da una giuria composta da mentor, esperti del settore Digitale e rappresentanti del Parlamento Europeo.

Alice, Elenia e Giorgia, vincitori del concorso, hanno ottenuto come premio l'accesso alla WMF Summer School (dal  4 all'11 settembre in Calabria), accesso gratuito al WMF2022 (16, 17 e 18 giugno) e al materiale formativo del WMF2021 su digital marketing, imprenditorialità e innovazione per un valore di 800,00€;

Ecco cosa hanno dichiarato le nostre studentesse:
“Un’esperienza costruttiva, siamo state messe alla prova sotto vari ambiti, dal strutturate una strategia comunicativa, al produrre un'idea creativa, alla presentazione del progetto.
Ci ha permesso di mettere in pratica le competenze apprese durante il nostro percorso di studi ed una grande occasione per mettersi in gioco attraverso una full immersion nel mondo digital e web.
Un’esperienza che ha fatto bagaglio e che porteremo con noi, la pressione del dover realizzare il tutto in meno di 48 ore è stata sicuramente una sfida professionale e personale.
Abbiamo affrontato il tema dell'emergenza climatica con l'obiettivo di scuotere le coscienze sulla necessità di un'azione concreta e tempestiva per limitare i danni ad oggi creati. 
È stata molta la soddisfazione nel vedere il nostro lavoro apprezzato e non pochi sono i doverosi ringraziamenti nei confronti del Parlamento Europeo, del WMF 2021 come dello IUSVE per averci dato questa grande possibilità.”

Houston, sono rimasto sulla Luna

L'area di Comunicazione ed educazione dello IUSVE, ha il piacere di presentare il libro: "Houston, sono rimasto sulla Luna", un volume realizzato da Giovanna Marton e illustrato da Aurora Franino, laureate in Creatività e design della comunicazione presso lo IUSVE

Un piccolo glossario che ha lo scopo di spiegare il web e i suoi neologismi con parole semplici e con alcuni consigli pratici sulla navigazione “on-line".

Lo scopo è quello di aiutare coloro che non sono nativi digitali, a capire le dinamiche del web e dei social media in modo semplice, i vari termini sono accompagnati da un esempio del mondo “off-line” e metafore, riprendendo anche episodi mediatici passati alla storia. 

Se sei interessato all'acquisto
https://bookabook.it/libri/houston-rimasto-sulla-luna/

Gli studenti del Lab in Marketing e Budgeting progettano il Social Magazine del futuro

Giovedì 20 maggio 2021 gli studenti del Corso di Laurea magistrale in Creatività e Design della Comunicazione dello IUSVE hanno presentato ai referenti del Gruppo Editoriale Athesis - Matteo Montan (AD); Annalisa Procopio (CMO) e Francesco Magagnino (Licensee di TedX VR) - i progetti del Laboratorio di Marketing e Budgeting 2021.

Nel laboratorio viene simulato un contesto professionale in cui, per due settimane, gli studenti divisi in piccoli gruppi sono chiamati a sviluppare un progetto confrontandosi con vincoli aziendali reali (obiettivi, budget, tempistiche, dinamiche organizzative).

La sfida lanciata dalla Media Company Veronese ai 5 Gruppi del Lab, aveva come obiettivo la creazione di un Social Magazine: un progetto editoriale nativo sulla piattaforma Instagram.

Un’occasione unica per gli studenti per scoprire qual è, oggi, la nuova informazione, e quale sarà la comunicazione mediatica del prossimo futuro. Ma anche per comprendere la direzione che sta prendendo l’intero ecosistema socio-economico.

Molti attribuiscono la crisi del settore dell’informazione alla diffusione dei Social: formati sempre più brevi, calo dell’attenzione media e, in generale, una maggior difficoltà da parte delle testate nel vendere spazi agli inserzionisti.  Per altri, invece, questa crisi si sta rilevando un'opportunità da cavalcare individuando la chiave del successo proprio nell’adozione di un nuovo modello di business legato a doppio filo con le piattaforme Social.

La sfida per non fare solamente una buona informazione ma per impostare nuovi modelli di business è stata raccolta dagli studenti di IUSVE che, come veri startupper, hanno sviluppando le loro proposte partendo da un articolato percorso di analisi strategica, unendo Creatività e Metodo progettuale.

Ecco alcuni estratti direttamente dalla voce dei protagonisti.

Gruppo 1 -Diego De Zorzi, Melissa Falda, Marta Franchini, Federico Papa, Ludovica Tabaro
“Il nostro magazine "Because - Connect the dots", è un editoriale che aiuta i giovani a comprendere l'attualità, spesso percepita come torbida e poco chiara. Il valore di fondo è l'utilità: fornire ai giovani gli strumenti conoscitivi così da essere capaci di "unire i punti" nel caotico mondo informativo, per muoversi al meglio nella realtà attuale e crearsi la propria opinione in forma indipendente”.

Gruppo 2 - Ariberti Alice, Battiston Federica, Luison Alice, Masiero Maira, Minoli Stefania
“Abbiamo deciso di affrontare il tema dell’innovazione, molto ampio e ormai inflazionato, dandogli un tono nuovo e inedito e per fare ciò lo abbiamo declinato in cinque ambiti particolari: social, tech, sostenibilità, arte e televisione, sport e storia. Il nostro social magazine è un amico che con tono colloquiale ma colto e informato ti accompagna durante tutta la giornata a partire dalla pausa caffè mattutina, al succo pomeridiano fino all’ultimo shot serale. Vogliamo trasmettere le informazioni che le persone non sapevano di voler sapere e nulla ci è sembrato più appropriato di BLALLO: ogni giorno con noi sarà uno sballo.”

Gruppo 3 - Anna Bejato, Marta Bortolozzo, Jennifer Battain, Beatrice Semenzato, Francesca Fibbia, Alessia Moretto
“Il nostro "The Cyber Octopus magazine" è un social magazine dai toni irriverenti, che vuole informare sul presente e sulle tendenze future, mantenendo però anche un sentore nostalgico rivolto ai decenni passati, esternando forse proprio quel contrasto interno che i giovani d'oggi covano dentro di loro. Altra caratteristica fondamentale è proprio la scelta di un tone of voice coinvolgente e irriverente, che si discosta da quello che è lo stile comunicativo tipico dell'informazione legata ai settori dell'innovazione e dell'Hi-tech”.

Gruppo 4 - Nicoleta Dobos, Jessica Biro, Riccardo Caderbe, Giacomo Netto, Anna Pinton, Sofia Sola
“Il nostro gruppo di lavoro ha deciso di focalizzarsi sulla creazione di un magazine online che racconti la sostenibilità nel settore dell’alimentazione in modo fresco a giovanile. Per farlo, ci siamo ispirati ad altre testate che si muovono in un mondo che conosciamo molto bene: quello dei social. Per i contenuti, invece, ci siamo messi alla prova andando a cercare numerosi soggetti, a partire dai giovani imprenditori e le loro storie, fiduciosi del fatto che raccontarle possa essere uno stimolo per tutti gli utenti, fino alle alternative o alle innovazioni nel panorama della cucina italiana. Il tutto condito da uno stile fresco e accattivante.
Come una foglia di menta, insomma: non per nulla, questo piccolo universo di storie di cibo hapreso il nome di AliMENTA.”

Gruppo 5 - Sara Bortoletto, Arianna Calzà, Francesca Fazio, Gabriele Nascimben, Marta Panzarin
Il nostro gruppo ha affrontato il brief partendo da una fase iniziale di analisi e ricerca e seguendo con una fase strategica e creativa. Durante la prima fase, abbiamo deciso di raccogliere ulteriori dati oltre a quelli forniti dalle ricerche di mercato; abbiamo quindi creato un questionario e lo abbiamo somministrato a 250 persone di età compresa tra i 16 e i 30 anni. L’idea era quella di osservare ancora da più vicino il nostro target e capire quali fossero le sue esigenze. Dalle risposte sono emersi molti elementi interessanti e spunti di riflessione, uno di essi è la prevalente necessità dei lettori di ricevere informazioni oggettive e autorevoli; un dato che ci è stato molto utile come base di partenza per formulare la nostra idea di Social Magazine, da qui è nato il progetto “Be On Magazine”.

Laura, Giulia, Asia, Ottavia, Alice e Francesca vincono l'edizione 2021 de "Le Idee Non Dormono Mai"

In questa intervista le ragazze vincitrici ci raccontano le loro impressioni e il concept del progetto con cui hanno vinto l'edizione 2021 del workshop "Le Idee Non Dormono Mai" Questa attività e organizzata dell'università IUSVE per gli studenti del terzo anno del corso di Laurea in Scienze e Tecniche della Comunicazione grafica e multimediale.