Velocità e progettazione integrale

Il MUSE – Museo delle Scienze, da sempre attento all’innovazione e alla ricerca di nuovi stimoli, ha aderito con entusiasmo al progetto di alta formazione Le idee non dormono mai promosso dall’Istituto Universitario Salesiano Venezia (IUSVE). 

La totale coerenza del progetto formativo con la missione del museo e l’attrattività del titolo, corrispondente allo spirito del museo, sono le ragioni della nostra convinta adesione

Difatti, da oltre cinque lustri l’educazione informale alla scienza è un caposaldo dell’attività di comunicazione del museo che trova concreta coniugazione nelle molteplici proposte educative e formative appositamente realizzate per studenti, docenti, tirocinanti e giovani in sevizio civile, perfettamente in linea con il 4° obiettivo per lo Sviluppo Sostenibile (SDG) promosso dalle Nazioni Unite. 

L’obiettivo assegnato ai gruppi di giovani grafici IUSVE era quello di promuovere il programma di Membership del MUSE con una campagna all’insegna dei valori della qualità, della sostenibilità e del piacere della conoscenza

Le proposte dagli studenti sono state molto apprezzate per la loro rispondenza al mandato, ma anche per la creatività e la freschezza delle idee. Ci ha colpito in particolare la capacità di cogliere velocemente gli input della committenza e tradurli in un progetto completo, considerando i canali online e offline, grazie ad azioni originali, in grado di adattarsi ed interagire con il tessuto territoriale in uno stile gradevole, curioso e accattivante. Abbiamo apprezzato la varietà e le peculiarità delle soluzioni proposte, oltre alla pluralità dei mezzi di cui si sono servite: video, contenuti social, affissioni, interventi di guerrilla marketing e azioni di co-marketing

Ringraziamo IUSVE per averci reso partecipi di un progetto che ha in sé la concretezza che serve ad infondere nei giovani fiducia nelle loro capacità, che riesce ad avvicinarli alla realtà lavorativa e contemporaneamente offre ai committenti nuove idee, al passo con i tempi. Per il museo questa esperienza è stata un vero arricchimento: ha permesso di fermarci a riflettere e guardarci attraverso la lente degli studenti. Ci auguriamo che sia stata proficua anche per loro.